DECRETO LEGISLATIVO 19 giugno 1997, n. 218

Disposizioni in materia di accertamento con adesione e di conciliazione giudiziale.

note: Entrata in vigore del decreto: 1-8-1997 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 29/06/2019)
Testo in vigore dal: 1-1-2016
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 7. 
                  Atto di accertamento con adesione 
 
  1. L'accertamento con adesione  e'  redatto  con  atto  scritto  in
duplice  esemplare,  sottoscritto  dal  contribuente   e   dal   capo
dell'ufficio  o  da  un  suo  delegato.  Nell'atto   sono   indicati,
separatamente per ciascun tributo, gli elementi e la  motivazione  su
cui la definizione si fonda, nonche' la liquidazione  delle  maggiori
imposte, delle sanzioni e delle  altre  somme  eventualmente  dovute,
anche in forma rateale. 
  1-bis. Il contribuente puo' farsi rappresentare da  un  procuratore
munito di procura speciale, nelle forme previste dall'articolo 63 del
decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600,  e
successive modificazioni. 
  1-ter. Fatte salve le previsioni  di  cui  all'articolo  9-bis  del
presente decreto, il contribuente ha facolta' di chiedere  che  siano
computate in diminuzione dai maggiori imponibili le perdite di cui al
quarto comma  dell'articolo  42  del  decreto  del  Presidente  della
Repubblica  29  settembre  1973,  n.  600,  non  utilizzate,  fino  a
concorrenza del loro importo. (18) ((19)) 
 
------------- 
AGGIORNAMENTO (18) 
  Il D.Lgs. 24 settembre 2015, n. 158, ha disposto  (con  l'art.  25,
comma 5) che "Le disposizioni di cui ai commi precedenti  entrano  in
vigore il 1° gennaio 2016, con riferimento ai periodi di imposta  per
i quali, alla predetta data, sono ancora pendenti i  termini  di  cui
all'articolo 43  del  decreto  del  Presidente  della  Repubblica  29
settembre 1973, n. 600". 
  Ha inoltre disposto (con  l'art.  32,  comma  1)  che  la  presente
modifica si applica a decorrere dal 1 gennaio 2017. 
------------- 
AGGIORNAMENTO (19) 
  Il D.Lgs. 24 settembre 2015, n. 158 come  modificato  dalla  L.  28
dicembre 2015, n. 208 ha disposto (con l'art. 32,  comma  1)  che  la
presente modifica si applica a decorrere dal 1 gennaio 2016.