DECRETO LEGISLATIVO 1 settembre 1993, n. 385

Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia.

note: Entrata in vigore del provvedimento: 1/1/1994. (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 05/11/2020)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 17-10-2012
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                              Art. 106. 
                 Albo degli intermediari finanziari 
 
  1.  L'esercizio  nei  confronti  del  pubblico  dell'attivita'   di
concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma e' riservato  agli
intermediari finanziari autorizzati, iscritti  in  un  apposito  albo
tenuto dalla Banca d'Italia. 
  2. Oltre  alle  attivita'  di  cui  al  comma  1  gli  intermediari
finanziari possono: 
    a) emettere moneta elettronica e prestare servizi di pagamento  a
condizione che  siano  a  cio'  autorizzati  ai  sensi  dell'articolo
114-quinquies, comma 4, e iscritti nel relativo albo, oppure prestare
solo servizi di pagamento a condizione che siano a  cio'  autorizzati
ai sensi dell'articolo 114-novies, comma 4, e iscritti  nel  relativo
albo; 
    b) prestare servizi  di  investimento  se  autorizzati  ai  sensi
dell'articolo 18, comma 3, del decreto legislativo 24 febbraio  1998,
n. 58; 
    c) esercitare le altre attivita' a loro eventualmente  consentite
dalla legge nonche' attivita' connesse o  strumentali,  nel  rispetto
delle disposizioni dettate dalla Banca d'Italia. 
  3. Il Ministro dell'economia e  delle  finanze,  sentita  la  Banca
d'Italia, specifica il contenuto delle attivita' indicate  nel  comma
1, nonche' in quali circostanze ricorra l'esercizio nei confronti del
pubblico. 
(37) (38)((54)) 
 
------------- 
AGGIORNAMENTO (37) 
  Il D.Lgs. 13 agosto 2010, n. 141 ha disposto (con l'art. 10,  comma
9) che "A decorrere dall'entrata in vigore del presente decreto tutte
le disposizioni legislative che fanno riferimento  agli  intermediari
finanziari iscritti negli elenchi di cui agli articoli 106 o 107  del
decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, si intendono  riferite
agli intermediari finanziari iscritti nell'albo di  cui  all'articolo
106 del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, come novellato
dal  presente  decreto.  Le  disposizioni   legislative   che   fanno
riferimento ai confidi iscritti nella sezione separata dell'elenco di
cui all'articolo 106 del decreto legislativo 1°  settembre  1993,  n.
385, si intendono riferite ai confidi iscritti  nell'elenco  previsto
dall'articolo 112 del decreto legislativo 1° settembre 1993, n.  385,
come novellato dal presente decreto; quelle che fanno riferimento  ai
confidi iscritti nell'elenco previsto dall'articolo 107  del  decreto
legislativo 1° settembre 1993,  n.  385,  si  intendono  riferite  ai
confidi iscritti nell'albo previsto  dall'articolo  106  del  decreto
legislativo 1° settembre 1993, n. 385, come  novellato  dal  presente
decreto". 
------------- 
AGGIORNAMENTO (38) 
  Il D.Lgs. 13 agosto 2010, n. 141,  come  modifcato  dal  D.Lgs.  14
dicembre 2010, n. 218 ha disposto (con l'art. 10, comma 9)  che  "  A
decorrere dall'entrata in vigore delle disposizioni di attuazione del
presente Titolo III  tutte  le  disposizioni  legislative  che  fanno
riferimento agli intermediari finanziari iscritti  negli  elenchi  di
cui agli articoli 106 o 107  del  decreto  legislativo  1°  settembre
1993, n. 385, vigenti alla data del 4 settembre  2010,  si  intendono
riferite agli  intermediari  finanziari  iscritti  nell'albo  di  cui
all'articolo 106 del decreto legislativo 1° settembre 1993,  n.  385,
come modificato dal presente decreto. Le disposizioni legislative che
fanno  riferimento  ai  confidi  iscritti  nella   sezione   separata
dell'elenco di  cui  all'articolo  106  del  decreto  legislativo  1°
settembre 1993, n. 385, vigente alla data del 4  settembre  2010,  si
intendono  riferite  ai   confidi   iscritti   nell'elenco   previsto
dall'articolo 112, comma 1 del decreto legislativo 1° settembre 1993,
n. 385, come  modificato  dal  presente  decreto;  quelle  che  fanno
riferimento ai confidi iscritti  nell'elenco  previsto  dall'articolo
107 del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385,  vigente  alla
data del 4 settembre 2010, si intendono riferite ai confidi  iscritti
nell'albo previsto  dall'articolo  106  del  decreto  legislativo  1°
settembre 1993, n. 385, come modificato dal presente decreto." 
  Il D.Lgs. 14 dicembre 2010, n. 218, nel  modificare  il  D.Lgs.  13
agosto 2010, n. 141, ha disposto (con l'art. 16,  comma  8)  che  "Le
disposizioni modificate, introdotte o sostituite dal presente decreto
si applicano  a  decorrere  dalla  data  di  entrata  in  vigore  dei
corrispondenti articoli del decreto legislativo 13  agosto  2010,  n.
141.  I  termini  di  conclusione  dei  procedimenti  amministrativi,
stabiliti da norme di legge o di regolamento, pendenti alla data  del
19 settembre 2010, sono prorogati fino a 120 giorni  successivi  alla
data di entrata in vigore del presente decreto". 
    
----------------

    
AGGIORNAMENTO (54) 
  Il D.Lgs. 13 agosto 2010, n. 141  come  modificato  dal  D.Lgs.  19
settembre 2012, n. 169 ha disposto (con l'art. 10, comma 8) che "Fino
alla data di entrata di vigore delle disposizioni di  attuazione  del
presente Titolo III, e, per i soggetti di cui ai commi 1 e 2, fino al
completamento degli adempimenti di cui  al  comma  4,  continuano  ad
applicarsi, salvo quanto previsto dai Titoli  I  e  II  del  presente
decreto legislativo, le norme del decreto  legislativo  1°  settembre
1993, n. 385 abrogate o sostituite dal presente decreto legislativo e
le relative disposizioni di attuazione,  ivi  compresi  gli  articoli
132, comma 1, 133, 139, 140 e 144, commi 1 e 2, e ad eccezione  degli
articoli 113, 132, comma 2, 155, commi 2 e 5; continuano altresi'  ad
applicarsi le norme sostituite dall'articolo 9,  commi  1  e  2.  Con
riguardo  ai  confidi,  il  riferimento  dell'articolo  9,  comma  4,
all'albo  previsto  dall'articolo  106  del  decreto  legislativo  1°
settembre 1993, n. 385,  deve  intendersi,  fino  alla  scadenza  del
periodo indicato al comma 1, primo periodo, anche all'elenco previsto
dall'articolo 107 del decreto legislativo 1° settembre 1993, n.  385,
previgente."