DECRETO LEGISLATIVO 1 settembre 1993, n. 385

Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia.

note: Entrata in vigore del provvedimento: 1/1/1994. (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 30/04/2022)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 30-11-2021
aggiornamenti all'articolo
                             Art. 67-bis 
((  (Disposizioni  applicabili  alla   societa'   di   partecipazione
               finanziaria mista capogruppo) )) ((97)) 
 
  1. La Banca d'Italia puo' individuare le ipotesi in cui la societa'
di partecipazione finanziaria mista capogruppo ((con sede  legale  in
Italia)) e' esentata dall'applicazione di  una  o  piu'  disposizioni
adottate ai sensi del presente capo. ((97)) 
  ((2. Le disposizioni previste negli articoli 61,  comma  3,  e  nel
Titolo II, Capo III e IV, come richiamate dall'articolo 61, comma  5,
si  applicano  alla  societa'  di  partecipazione  finanziaria  mista
capogruppo con sede legale in Italia qualora il settore  di  maggiori
dimensioni  all'interno  del  conglomerato  finanziario  sia   quello
bancario, determinato ai sensi  del  decreto  legislativo  30  maggio
2005, n. 142. I provvedimenti di decadenza ai sensi dell'articolo  26
e autorizzazione ai sensi dell'articolo 19 sono adottati dalla  Banca
d'Italia d'intesa con l'IVASS.)) ((97)) 
  3. I provvedimenti previsti dal Titolo IV, Capo II,  nei  confronti
della societa' di partecipazione finanziaria mista ((con sede  legale
in Italia)) sono adottati o proposti dalla  Banca  d'Italia  d'intesa
con l'IVASS. ((97)) 
  ((3-bis. I provvedimenti indicati negli articoli 60-bis, commi 2  e
3, e 67-ter, comma 1,  lettera  d),  sesto  e  settimo  periodo,  nei
confronti  delle  societa'  di   partecipazione   finanziaria   mista
capogruppo sono adottati conformemente al presente  Capo  e  d'intesa
con il coordinatore del conglomerato finanziario,  se  diverso  dalla
Banca d'Italia.))((97)) 
  ((3-ter. Qualora il settore di maggiori dimensioni all'interno  del
conglomerato finanziario sia quello bancario, la Banca  d'Italia,  in
qualita'  di  autorita'  di  vigilanza  su  base  consolidata,   puo'
individuare  le  ipotesi  in  cui  la  societa'   di   partecipazione
finanziaria mista capogruppo con sede legale in uno Stato dell'Unione
europea diverso dall'Italia e' esentata dall'applicazione  di  una  o
piu' disposizioni  di  attuazione  della  direttiva  2009/138/CE  ivi
adottate,  se  equivalenti  alle  disposizioni  del  presente   Capo,
d'intesa con l'autorita' competente  per  la  vigilanza  sul  settore
assicurativo nello stato dell'Unione Europea in cui la societa' ha la
sede legale.))((97)) 
  ((3-quater. La Banca d'Italia conclude accordi con il  coordinatore
del  conglomerato  finanziario  al  fine   di   definire   forme   di
collaborazione  e  coordinamento  per  agevolare  l'esercizio   della
vigilanza su base consolidata.))((97)) 
------------ 
AGGIORNAMENTO (97) 
  Il D.Lgs. 8 novembre 2021, n. 182 ha disposto (con l'art. 3,  comma
6) che "Fino all'entrata in vigore  delle  disposizioni  della  Banca
d'Italia di attuazione del Titolo III, Capo II, Sezioni I e  II,  del
decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385,  come  modificato  dal
presente decreto, continua ad applicarsi  il  Titolo  III,  Capo  II,
Sezioni I e II, del decreto legislativo 1°  settembre  1993,  n.  385
nella versione  precedente  alle  modifiche  apportate  dal  presente
decreto, e la relativa disciplina attuativa."