DECRETO LEGISLATIVO 30 dicembre 1992, n. 502

Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell'articolo 1 della legge 23 ottobre 1992, n. 421.

note: Entrata in vigore del decreto: 1-1-1993 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 12/08/2022)
Testo in vigore dal: 12-5-2013
aggiornamenti all'articolo
                       Art. 15-quattuordecies 
        (Osservatorio per l'attivita' libero-professionale). 
  1. Con decreto del Ministro della sanita', da adottarsi entro il 10
ottobre 2000, d'intesa con la conferenza permanente  per  i  rapporti
tra lo Stato, le regioni e le  province  autonome,  nel  rispetto  di
quanto disposto dall'articolo 19-quater,  e'  organizzato  presso  il
Ministero  della  sanita'  l'Osservatorio  per   l'attivita'   libero
professionale con il  compito  di  acquisire  per  il  tramite  delle
regioni gli elementi di valutazione ed elaborare,  in  collaborazione
con le regioni, proposte per la predisposizione  della  relazione  da
trasmettersi con cadenza annuale al Parlamento su: 
    a)  la   riduzione   delle   liste   di   attesa   in   relazione
all'attivazione dell'attivita' libero professionale; 
    b)  le  disposizioni  regionali,  contrattuali  e  aziendali   di
attuazione degli istituti normativi  concernenti  l'attivita'  libero
professionale intramuraria; 
    c) lo stato di attivazione  e  realizzazione  delle  strutture  e
degli   spazi   destinati    all'attivita'    libero    professionale
intramuraria; 
    d) il rapporto fra attivita'  istituzionale  e  attivita'  libero
professionale; 
    e) l'ammontare dei proventi per attivita'  libero  professionale,
della partecipazione regionale, della quota a favore dell'azienda; 
    f) le iniziative ed  i  correttivi  necessari  per  eliminare  le
disfunzioni  ed  assicurare  il  corretto  equilibrio  fra  attivita'
istituzionale e libero professionale. ((43)) 
-------------- 
AGGIORNAMENTO (43) 
  Il D.P.R. 28 marzo 2013, n. 44 ha disposto (con l'art. 2, comma  1,
lettera i)) che  sono  trasferite  ad  un  unico  organo  collegiale,
denominato  «Comitato  tecnico  sanitario»,  le  funzioni   in   atto
esercitate dall'Osservatorio nazionale sullo stato di attuazione  dei
programmi di adeguamento  degli  ospedali  e  sul  funzionamento  dei
meccanismi  di  controllo  a  livello  regionale  e  aziendale,  come
previsto dal presente articolo.