DECRETO LEGISLATIVO 2 marzo 1948, n. 135

Applicabilita' ai mutilati ed invalidi civili ed ai congiunti dei caduti civili per fatti di guerra dei benefici spettanti ai mutilati ed invalidi di guerra ed ai congiunti dei caduti in guerra.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 04/12/1952)
Testo in vigore dal: 18-3-1948
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

  Visto l'art. 4 del decreto-legge luogotenenziale 25 giugno 1944, n.
151, con le modificazioni ad esso apportate dall'art. 3, comma primo,
del decreto legislativo luogotenenziale 16 marzo 1946, n. 98;
  Viste le disposizioni transitorie I e XV della Costituzione;
  Visto l'art. 87, comma quinto, della Costituzione;
  Sulla  proposta  del  Presidente  del Consiglio dei Ministri, Primo
Ministro  Segretario  di  Stato,  di  concerto con il Ministro per il
tesoro;

                              PROMULGA

il seguente decreto legislativo, approvato dal Consiglio dei Ministri
con deliberazione del 6 febbraio 1948:
                               Art. 1.

  I  benefici spettanti, secondo le vigenti disposizioni, ai mutilati
ed agli invalidi di guerra, nonche' ai congiunti dei caduti in guerra
si applicano anche ai mutilati ed invalidi civili per fatti di guerra
ed ai congiunti dei caduti civili per fatti di guerra.
  Nulla e' innovato per quanto concerne il trattamento di pensione di
guerra, spettante ai mutilati ed invalidi civili per fatti di guerra,
ed ai congiunti dei caduti civili per fatti di guerra.