DECRETO-LEGGE 19 maggio 2020, n. 34

Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonche' di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19. (20G00052)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 19/05/2020
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 17 luglio 2020, n. 77 (in S.O. n. 25, relativo alla G.U. 18/07/2020, n. 180)
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 30/12/2022)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 30-6-2022
aggiornamenti all'articolo
 
                              Art. 239 
 
      Fondo per l'innovazione tecnologica e la digitalizzazione 
 
  1. Nello stato di previsione del Ministero  dell'economia  e  delle
finanze e' istituito un Fondo, con una dotazione  di  50  milioni  di
euro  per   l'anno   2020, per   l'innovazione   tecnologica   e   la
digitalizzazione,  destinato   alla   copertura   delle   spese   per
interventi, acquisti di beni e servizi, misure di sostegno, attivita'
di assistenza  tecnica  e  progetti  nelle  materie  dell'innovazione
tecnologica,  dell'attuazione  dell'agenda   digitale   italiana   ed
europea,  del  programma  strategico  sull'intelligenza  artificiale,
della  strategia  italiana  per   la   banda   ultra   larga,   della
digitalizzazione delle pubbliche  amministrazioni  e  delle  imprese,
della strategia nazionale dei dati pubblici, ((anche con  riferimento
al riuso dei dati aperti,)) dello sviluppo e della  diffusione  delle
infrastrutture digitali materiali e immateriali  e  delle  tecnologie
tra cittadini, imprese e  pubbliche  amministrazioni,  nonche'  della
diffusione  delle  competenze,  dell'educazione   e   della   cultura
digitale. Le suddette risorse, sono trasferite al  bilancio  autonomo
della Presidenza del consiglio dei ministri per essere  assegnate  al
Ministro   delegato    per    l'innovazione    tecnologica    e    la
digitalizzazione, che provvede alla gestione delle relative risorse. 
  2. Con uno o piu' decreti del Presidente del Consiglio dei ministri
o  del  Ministro  delegato  per  l'innovazione   tecnologica   e   la
digitalizzazione sono individuati gli interventi a cui sono destinate
le risorse di cui al comma 1, tenendo conto degli  aspetti  correlati
alla sicurezza cibernetica e nel rispetto delle competenze attribuite
dalla legge  all'Agenzia  per  la  cybersicurezza  nazionale.  Con  i
predetti decreti, le  risorse  di  cui  al  comma  1  possono  essere
trasferite, in tutto o in parte, anche alle pubbliche amministrazioni
e ai soggetti di cui all'articolo 2, comma 2, lettera a), del  codice
dell'amministrazione digitale, di cui al decreto legislativo 7  marzo
2005, n. 82, per  la  realizzazione  di  progetti  di  trasformazione
digitale coerenti con le finalita' di cui al comma 1. 
  3. Agli oneri derivanti dall'attuazione del presente articolo, pari
a euro cinquanta milioni  per  l'anno  2020,  si  provvede  ai  sensi
dell'articolo 265.