DECRETO-LEGGE 23 ottobre 2018, n. 119

Disposizioni urgenti in materia fiscale e finanziaria. (18G00151)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 24/10/2018
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 17 dicembre 2018, n. 136 (in G.U. 18/12/2018, n. 293).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 01/09/2022)
Testo in vigore dal: 22-10-2021
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 18 
 
                  Rinvio lotteria dei corrispettivi 
 
  1. All'articolo 1  della  legge  11  dicembre  2016,  n.  232  sono
apportate le seguenti modificazioni: 
    a) il comma 540, e' sostituito dal seguente:  «540.  A  decorrere
dal 1° gennaio  2020  i  contribuenti,  persone  fisiche  maggiorenni
residenti nel territorio dello Stato, che effettuano acquisti di beni
o servizi, fuori dall'esercizio  di  attivita'  di  impresa,  arte  o
professione,  presso  esercenti  che  trasmettono  telematicamente  i
corrispettivi,  ai  sensi  dell'articolo  2,  comma  1,  del  decreto
legislativo 5 agosto 2015, n. 127, possono partecipare all'estrazione
a sorte di premi attribuiti nel quadro di una lotteria nazionale. Per
partecipare all'estrazione  e'  necessario  che  i  contribuenti,  al
momento  dell'acquisto,  comunichino  il   proprio   codice   fiscale
all'esercente e che quest'ultimo trasmetta all'Agenzia delle  entrate
i dati della singola cessione o prestazione, secondo le modalita'  di
cui ai commi 3 e 4 dell'articolo 2 del decreto legislativo  5  agosto
2015, n. 127.»; 
    b) il comma 543 e' abrogato; 
    c)  il  comma  544  e'  sostituito  dal   seguente:   «544.   Con
provvedimento del direttore dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli,
d'intesa con l'Agenzia delle entrate, sono disciplinate le  modalita'
tecniche relative alle  operazioni  di  estrazione,  l'entita'  e  il
numero  dei  premi  messi  a   disposizione,   nonche'   ogni   altra
disposizione necessaria per l'attuazione della lotteria.  Il  divieto
di pubblicita' per giochi  e  scommesse,  previsto  dall'articolo  9,
comma 1, del decreto-legge 12 luglio 2018,  n.  87,  convertito,  con
modificazioni, dalla legge 9 agosto 2018, n. 96, non si applica  alla
lotteria di cui al comma 540.». 
  2. Al fine di  garantire  le  risorse  finanziarie  necessarie  per
((l'attribuzione  dei  premi  e  le   spese   amministrative   e   di
comunicazione)) connesse alla gestione della lotteria,  e'  istituito
un  Fondo  iscritto  nello  stato   di   previsione   del   Ministero
dell'economia e delle finanze con una dotazione di 3 milioni di  euro
per l'anno 2020 e di 6 milioni di euro annui  a  decorrere  dall'anno
2021. Al relativo onere si provvede ai sensi dell'articolo 26. ((18)) 
  2-bis. Al fine di finanziare progetti filantropici,  gli  enti  del
Terzo settore possono effettuare lotterie finalizzate  a  sollecitare
donazioni di  importo  non  inferiore  a  euro  500,  anche  mediante
l'intervento  degli  intermediari  finanziari   che   gestiscono   il
patrimonio dei soggetti partecipanti.  Il  ricavato  derivante  dalle
lotterie filantropiche e' destinato ad alimentare i fondi dei  citati
enti per la realizzazione di progetti sociali. 
  2-ter. Con decreto non regolamentare del Ministero dell'economia  e
delle finanze, di concerto  con  il  Ministero  del  lavoro  e  delle
politiche  sociali,  sono  disciplinate  le  modalita'  tecniche   di
attuazione della disposizione di cui al comma 2-bis,  prevedendo,  in
particolare, le modalita' di estrazione e di controllo. La vincita e'
costituita unicamente dal diritto di scegliere un  progetto  sociale,
tra quelli da realizzare, cui associare il nome  del  vincitore,  con
relativo riconoscimento pubblico. 
 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (18) 
  Il D.L. 21 ottobre 2021, n. 146 ha disposto (con l'art. 5, comma 4)
che la presente modifica decorre dal 1° gennaio 2021.