DECRETO-LEGGE 30 dicembre 2015, n. 210

Proroga di termini previsti da disposizioni legislative. (15G00225)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 30/12/2015.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 25 febbraio 2016, n. 21 (in G.U. 26/02/2016, n. 47).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 19/05/2020)
Testo in vigore dal: 27-2-2016
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                            Art. 11-bis. 
 
          (( (Proroga di termini in materia ambientale).)) 
 
  ((1. Il termine di cui all'articolo 33, comma 10, del decreto-legge
12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge
11 novembre 2014, n. 164, e' prorogato di sessanta giorni. 
  2.  Entro  trenta  giorni  dall'approvazione   del   programma   di
risanamento ambientale e rigenerazione urbana di cui all'articolo  33
del  decreto-legge  12  settembre  2014,  n.  133,  convertito,   con
modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164, o di stralci  di
detto programma relativi a  interventi  urgenti  o  propedeutici,  le
risorse residue dei fondi stanziati  dal  Ministero  dell'ambiente  e
della tutela del territorio e del  mare  per  il  sito  di  interesse
nazionale "Bagnoli-Coroglio" ed erogati  al  comune  di  Napoli,  non
ancora impegnate alla  data  di  entrata  in  vigore  della  presente
disposizione,  sono   destinate   al   finanziamento   dei   medesimi
interventi, secondo gli indirizzi della cabina di  regia  di  cui  al
comma 13 del medesimo articolo 33 del decreto-legge n. 133 del 2014. 
  3. All'articolo 33 del decreto-legge 12  settembre  2014,  n.  133,
convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n.  164,
sono apportate le seguenti modificazioni: 
    a) al comma 12, le parole da: "Il Soggetto Attuatore  costituisce
allo scopo una societa' per azioni" fino alla  fine  del  comma  sono
sostituite  dalle  seguenti:  "La   trascrizione   del   decreto   di
trasferimento al  Soggetto  Attuatore  produce  gli  effetti  di  cui
all'articolo 2644, secondo comma, del codice civile.  Alla  procedura
fallimentare della societa' Bagnoli Futura  Spa  e'  riconosciuto  un
importo corrispondente al  valore  di  mercato  delle  aree  e  degli
immobili trasferiti, rilevato dall'Agenzia del demanio alla data  del
trasferimento della proprieta'. Tale importo e' versato alla curatela
fallimentare mediante strumenti finanziari, di durata non superiore a
quindici anni decorrenti  dalla  data  di  entrata  in  vigore  della
presente disposizione, emessi su mercati regolamentati  dal  Soggetto
Attuatore, anche al  fine  di  soddisfare  ulteriori  fabbisogni  per
interventi necessari all'attuazione del programma di cui al comma  8.
L'emissione degli strumenti finanziari di cui al presente  comma  non
comporta l'esclusione dai limiti relativi  al  trattamento  economico
stabiliti dall'articolo 23-bis del decreto-legge 6 dicembre 2011,  n.
201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,  n.
214. Dalla trascrizione del decreto di trasferimento e alla  consegna
dei suddetti titoli, tutti  i  diritti  relativi  alle  aree  e  agli
immobili trasferiti, ivi  compresi  quelli  inerenti  alla  procedura
fallimentare della societa' Bagnoli Futura Spa,  sono  estinti  e  le
relative  trascrizioni  cancellate.  La  trascrizione  del   predetto
decreto, da effettuare entro sessanta giorni dalla data di entrata in
vigore della presente disposizione, e gli  altri  atti  previsti  dal
presente comma e conseguenti sono esenti da imposte di  registro,  di
bollo e da ogni altro onere  e  imposta.  Il  Soggetto  Attuatore  ha
diritto all'incasso delle somme rivenienti dagli atti di disposizione
delle aree e degli immobili ad esso trasferiti, secondo le  modalita'
indicate con decreto del Presidente del Consiglio  dei  ministri,  da
emanare entro novanta giorni dalla comunicazione della determinazione
del valore suddetto da parte dell'Agenzia del demanio. Restano  fermi
gli eventuali obblighi a carico dei creditori fallimentari o dei loro
aventi causa a titolo di responsabilita' per i costi della bonifica"; 
    b) il comma 13.1 e' abrogato; 
    c) al comma 13-quater,  le  parole:  "ovvero  della  societa'  da
quest'ultimo costituita" sono soppresse)).