DECRETO-LEGGE 24 giugno 2014, n. 90

Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l'efficienza degli uffici giudiziari. (14G00103)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 25/6/2014.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 11 agosto 2014, n. 114 (in S.O. n. 70, relativo alla G.U. 18/8/2014, n. 190).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 28/03/2022)
vigente al 20/05/2022
  • Allegati
Testo in vigore dal: 19-8-2014
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 51 
 
(Razionalizzazione degli uffici di cancelleria  e  notificazioni  per
                           via telematica) 
 
  1. All'articolo 162, primo comma, della legge 23 ottobre  1960,  n.
1196, e' aggiunto, in fine,  il  seguente  periodo:  «Le  cancellerie
delle corti di appello  e  dei  tribunali  ordinari  sono  aperte  al
pubblico almeno ((quattro)) ore nei giorni feriali, secondo  l'orario
stabilito dai rispettivi presidenti, sentiti i capi delle cancellerie
interessate.». 
  2. All'articolo 16-bis del decreto-legge 18 ottobre 2012,  n.  179,
convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n.  221,
((al comma 7 sono apportate le seguenti modificazioni: 
    a) le parole: "di cui ai commi da 1 a 4"  sono  sostituite  dalle
seguenti: "con modalita' telematiche"; 
    b) sono aggiunti, in fine, i seguenti periodi)): «Il deposito  e'
tempestivamente eseguito quando la ricevuta di avvenuta  consegna  e'
generata entro la fine del giorno  di  scadenza  e  si  applicano  le
disposizioni di cui all'articolo 155,  quarto  e  quinto  comma,  del
codice di procedura civile. Quando il messaggio di posta  elettronica
certificata eccede la dimensione massima stabilita  nelle  specifiche
tecniche del responsabile per i sistemi informativi automatizzati del
ministero della giustizia, il deposito degli  atti  o  dei  documenti
puo' essere eseguito mediante gli invii di  piu'  messaggi  di  posta
elettronica certificata. Il deposito e' tempestivo quando e' eseguito
entro la fine del giorno di scadenza.».