DECRETO-LEGGE 21 giugno 2013, n. 69

Disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia. (13G00116)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 22/6/2013.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 9 agosto 2013, n. 98 (in S.O. n. 63, relativo alla G.U. 20/08/2013, n. 194).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 28/04/2022)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 18-3-2021
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 62 
 
                (Finalita' e ambito di applicazione) 
 
  1. Al fine di agevolare la definizione dei  procedimenti  penali  e
civili, compresi quelli in materia di lavoro e previdenza, secondo le
priorita' individuate dai presidenti delle Corti di appello ai  sensi
dell'articolo  132-bis,  comma  2,  delle  norme  di  attuazione,  di
coordinamento e transitorie del codice di procedura penale ovvero con
i programmi previsti dall'articolo 37, comma 1, del  decreto-legge  6
luglio 2011, n. 98, convertito, con  modificazioni,  dalla  legge  15
luglio 2011, n. 111, si applicano le disposizioni del presente capo. 
  2.  Le  disposizioni  del  presente  capo  non  si   applicano   ai
procedimenti trattati dalla Corte di appello in  unico  grado,  fatta
eccezione per quelli di cui alla legge 24 marzo 2001, n. 89. 
 
                                                               ((57)) 
 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (57) 
  La Corte Costituzionale, con sentenza 25 gennaio - 17  marzo  2021,
n.  41  (in  G.U.  1ª  s.s.  17/03/2021,  n.   11),   ha   dichiarato
"l'illegittimita' costituzionale degli artt. 62, 63, 64, 65, 66,  67,
68, 69,  70,  71  e  72  del  decreto-legge  21  giugno  2013  n.  69
(Disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia), convertito, con
modificazioni, in legge 9 agosto 2013, n. 98, nella parte in cui  non
prevedono che essi si applichino fino a quando non  sara'  completato
il riordino del ruolo e delle funzioni  della  magistratura  onoraria
nei tempi stabiliti dall'art. 32 del decreto  legislativo  13  luglio
2017, n. 116 (Riforma organica della magistratura  onoraria  e  altre
disposizioni sui giudici  di  pace,  nonche'  disciplina  transitoria
relativa ai magistrati onorari in servizio, a norma  della  legge  28
aprile 2016, n. 57)".