DECRETO-LEGGE 25 gennaio 2012, n. 2

Misure straordinarie e urgenti in materia ambientale. (12G0008)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 25/01/2012.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 24 marzo 2012, n. 28 (in G.U. 24/03/2012, n. 71).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 30/07/2021)
Testo in vigore dal: 25-3-2012
aggiornamenti all'articolo
                             Art. 1-bis 
 
(( (Misure  in  tema  di  realizzazione  di  impianti  nella  regione
                              Campania) 
 
  1.  All'articolo  5  del  decreto-legge  23  maggio  2008,  n.  90,
convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 123, la
rubrica e' sostituita dalla seguente: "Termovalorizzatori  di  Acerra
(NA) e Salerno". 
  2. Il comma 3 dell'articolo 5 del decreto-legge  n.  90  del  2008,
convertito, con modificazioni,  dalla  legge  n.  123  del  2008,  e'
sostituito dal seguente: 
    "3. Resta fermo quanto previsto  dall'articolo  3  dell'ordinanza
del Presidente del Consiglio dei Ministri 16 gennaio 2008,  n.  3641,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 20  del  24  gennaio  2008,  e
dall'articolo 2, comma 2, dell'ordinanza del Presidente del Consiglio
dei Ministri 17 aprile  2008,  n.  3669,  pubblicata  nella  Gazzetta
Ufficiale  n.  101  del  30  aprile  2008,  circa  la   realizzazione
dell'impianto di termodistribuzione nel comune di Salerno". 
  3. All'articolo 8-bis, comma 1, del decreto-legge n. 90  del  2008,
convertito, con modificazioni,  dalla  legge  n.  123  del  2008,  le
parole: "Santa Maria La Fossa (CE)" sono sostituite  dalle  seguenti:
"per quello previsto dal comma 1-bis dell'articolo 8". 
  4. All'articolo 7, comma 1, del decreto-legge 30 dicembre 2009,  n.
195, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2010,  n.
26, e successive modificazioni, le parole:  "31  gennaio  2012"  sono
sostituite dalle seguenti: "30 giugno 2012". 
  5. Il comma 6-bis dell'articolo 10 del  decreto-legge  30  dicembre
2009, n. 195, convertito, con modificazioni, dalla legge 26  febbraio
2010, n. 26, e' sostituito dal seguente: 
    "6-bis. Al fine di assicurare la compiuta ed  urgente  attuazione
di quanto disposto dall'articolo 8, comma 1-bis, del decreto-legge n.
90 del 2008, l'impianto di recupero  e  smaltimento  dei  rifiuti  e'
realizzato nel territorio del comune di Giugliano, conformemente alla
pianificazione regionale" )).