DECRETO-LEGGE 30 dicembre 2009, n. 195

Disposizioni urgenti per la cessazione dello stato di emergenza in materia di rifiuti nella regione Campania, per l'avvio della fase post emergenziale nel territorio della regione Abruzzo ed altre disposizioni urgenti relative alla Presidenza del Consiglio dei Ministri ed alla protezione civile. (09G0208)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 30/12/2009.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 26 febbraio 2010, n. 26 (in SO n. 39, relativo alla G.U. 27/02/2010, n. 48).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 31/12/2018)
Testo in vigore dal: 28-2-2010
aggiornamenti all'articolo
                            Art. 17-ter.
(((Disposizioni    per   la   realizzazione   urgente   di   istituti
                            penitenziari)

   1. Il Commissario straordinario per l'emergenza conseguente al
  sovrappopolamento   degli   istituti   penitenziari   presenti  sul
territorio  nazionale  provvede,  d'intesa  con  il  Presidente della
regione  territorialmente  competente  e sentiti i sindaci dei comuni
interessati,   alla   localizzazione   delle   aree   destinate  alla
realizzazione di nuove infrastrutture carcerarie anche in deroga alle
vigenti  previsioni  urbanistiche, nonche' agli articoli 7 ed 8 della
legge  7  agosto  1990,  n.  241.  Il provvedimento di localizzazione
comporta  dichiarazione  di  pubblica  utilita',  indifferibilita' ed
urgenza  delle  opere  e costituisce decreto di occupazione d'urgenza
delle aree individuate.
  2.  L'approvazione  delle  localizzazioni  di  cui  al  comma 1, se
derogatoria  dei  vigenti strumenti urbanistici, costituisce variante
degli   stessi  e  produce  l'effetto  dell'imposizione  del  vincolo
preordinato  alla espropriazione. In deroga alla normativa vigente ed
in  sostituzione  delle  notificazioni ai proprietari e ad ogni altro
avente  diritto  o  interessato  da  essa  previste,  il  Commissario
delegato  da'  notizia  della  avvenuta  localizzazione e conseguente
variante mediante pubblicazione del provvedimento all'albo del comune
e  su  due  giornali,  di  cui  uno  a  diffusione nazionale ed uno a
diffusione regionale. L'efficacia del provvedimento di localizzazione
decorre  dal  momento  della  pubblicazione all'albo comunale. Non si
applica  l'articolo 11 del testo unico delle disposizioni legislative
e  regolamentari  in materia di espropriazione per pubblica utilita',
di  cui  al decreto del Presidente della Repubblica 8 giugno 2001, n.
327.
  3.  Per  le occupazioni d'urgenza e per le eventuali espropriazioni
delle  aree di cui al comma 1, il Commissario straordinario provvede,
prescindendo da ogni altro adempimento, alla redazione dello stato di
consistenza  e  del  verbale  di immissione in possesso dei suoli. Il
verbale  di  immissione  in  possesso  costituisce  provvedimento  di
provvisoria  occupazione  a favore del Commissario straordinario o di
espropriazione,  se  espressamente indicato, a favore della regione o
di  altro  ente pubblico, anche locale, specificatamente indicato nel
verbale   stesso.   L'indennita'  di  provvisoria  occupazione  o  di
espropriazione e' determinata dal Commissario straordinario entro sei
mesi  dalla  data  di  immissione  in  possesso,  tenuto  conto delle
destinazioni  urbanistiche  antecedenti  la data del provvedimento di
cui al comma 1.
  4.  Avverso  il  provvedimento  di  localizzazione ed il verbale di
immissione    in   possesso   e'   ammesso   esclusivamente   ricorso
giurisdizionale o ricorso straordinario al Capo dello Stato. Non sono
ammesse   le  opposizioni  amministrative  previste  dalla  normativa
vigente.
  5. L'utilizzazione di un bene immobile in assenza del provvedimento
di localizzazione o del verbale di immissione in possesso, o comunque
di  un  titolo ablatorio valido, puo' essere disposta dal Commissario
straordinario,  in  via  di somma urgenza, con proprio provvedimento,
espressamente   motivando   la   contingibilita'   ed  urgenza  della
utilizzazione.  L'atto  di acquisizione di cui all'articolo 43, comma
1,  del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica
8  giugno  2001,  n.  327,  e' adottato, ove ritenuto necessario, con
successivo  provvedimento, dal Commissario straordinario a favore del
patrimonio indisponibile dello Stato.
  6.  Il  Commissario  straordinario  puo' avvalersi del Dipartimento
della protezione civile per le attivita' di progettazione, scelta del
contraente, direzione lavori e vigilanza degli interventi strutturali
ed   infrastrutturali  attuati  in  esecuzione  del  programma  degli
interventi  di  cui all'articolo 44-bis del decreto-legge 30 dicembre
2008,  n. 207, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio
2009, n. 14.
  7.   Inderoga  all'articolo  118  del  codice  di  cui  al  decreto
legislativo  12  aprile  2006,  n.  163 e successive modificazioni e'
consentito il subappalto delle lavorazioni della categoria prevalente
fino al 50 per cento.
  8.  Al  fine di consentire l'immediato avvio degli interventi volti
alla  realizzazione di nuove infrastrutture carcerarie e l'aumento di
quelle  esistenti,  l'utilizzo  delle  risorse di cui all'articolo 2,
comma  219, della legge 23 dicembre 2009, n. 191, avviene in deroga a
quanto  stabilito  dall'articolo  18,  comma  3, del decreto-legge 29
novembre  2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28
gennaio  2009,  n.  2,  e  dalla  delibera  CIPE  6 marzo 2009, n. 2,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 90 del 18 aprile 2009 )).