DECRETO-LEGGE 4 novembre 2009, n. 152

Disposizioni urgenti per la proroga degli interventi di cooperazione allo sviluppo e a sostegno dei processi di pace e di stabilizzazione, nonche' delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia ((e disposizioni urgenti in materia di personale della Difesa.)) (09G0168)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 4/11/2009.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 29 dicembre 2009, n. 197 (in G.U. 31/12/2009, n. 303).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 10/10/2013)
Testo in vigore dal: 1-1-2010
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 5.




                  Disposizioni in materia contabile


  1.  Per  esigenze connesse con le missioni internazionali di cui al
presente  decreto, in presenza di situazioni di necessita' e urgenza,
gli   Stati  maggiori  di  Forza  armata  e  per  essi  i  competenti
ispettorati,  il  Comando  generale  dell'Arma  dei  carabinieri,  il
Comando  generale del Corpo della guardia di finanza, il Segretariato
generale  della  difesa  e per esso le competenti Direzioni generali,
anche  in  deroga  alle vigenti disposizioni di contabilita' generale
dello Stato, possono:
   a)  accertata  l'impossibilita' di provvedere attraverso contratti
accentrati  gia'  eseguibili,  disporre l'attivazione delle procedure
d'urgenza  previste  dalla  vigente  normativa  per l'acquisizione di
forniture e servizi;
   b)  acquisire  in  economia  lavori,  servizi  e forniture, per la
revisione   generale  di  mezzi  da  combattimento  e  da  trasporto,
l'esecuzione  di  opere infrastrutturali aggiuntive e integrative, il
trasporto   del  personale,  la  spedizione  di  materiali  e  mezzi,
l'acquisizione  di  apparati di comunicazione, apparati per la difesa
nucleare, biologica e chimica, materiali d'armamento, equipaggiamenti
individuali, materiali informatici, mezzi e materiali sanitari, entro
il  limite  complessivo  di  50 milioni di euro annui, a valere sulle
risorse finanziarie stanziate per le missioni internazionali.
  2.  Nell'ambito  delle  autorizzazioni  di spesa di cui al presente
decreto,  le  spese  per  i  compensi  per  lavoro straordinario reso
nell'ambito  di  attivita' operative o di addestramento propedeutiche
all'impiego   del   personale   nelle  missioni  internazionali  sono
effettuate in deroga al limite di cui all'articolo 3, comma 82, della
legge 24 dicembre 2007, n. 244.
  3. Le somme iscritte in bilancio nelle missioni "Difesa e sicurezza
del  territorio",  programmi  "Missioni  militari di pace", ((nonche'
quelle  di cui all'articolo 6, comma 1, lettera b),)) in applicazione
del  presente  decreto,  non  impegnate  al  31  dicembre  2009, sono
mantenute  in  bilancio  nel  conto  residui,  per  essere utilizzate
nell'esercizio finanziario 2010.
  4.  I  mezzi  e  materiali, escluso il materiale d'armamento di cui
alla   legge   9   luglio   1990,   n.  185,  utilizzati  a  supporto
dell'attivita'  operativa  del  personale  del Corpo della guardia di
finanza  impiegato  nelle  missioni  internazionali,  per i quali non
risulta  conveniente il rimpatrio in relazione ai costi di trasporto,
su  disposizione  del  Comando  generale  del  medesimo Corpo possono
essere  ceduti,  direttamente  e a titolo gratuito nelle localita' in
cui  si trovano, alle Forze armate e alle Forze di polizia estere, ad
autorita'  locali,  a  organizzazioni  internazionali non governative
ovvero   a   organismi   di  volontariato  e  di  protezione  civile,
prioritariamente  italiani,  ivi  operanti.  Con decreto del Ministro
dell'economia e delle finanze si provvede a disciplinare le modalita'
attuative.