DECRETO-LEGGE 30 dicembre 2005, n. 273

((Definizione e proroga di termini, nonche' conseguenti disposizioni urgenti.))

note: Entrata in vigore del decreto: 31-12-2005.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 23 febbraio 2006, n. 51 (in SO n.47, relativo alla G.U. 28/02/2006, n.49).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 06/07/2012)
Testo in vigore dal: 1-3-2006
aggiornamenti all'articolo
                          Art. 23-quinquies
       (( (Differimento di termini e agevolazioni concernenti
               aree colpite da calamita' naturali) ))

  ((  1.  I  termini previsti dagli articoli 1 e 2 del regolamento di
cui al decreto del Ministro dell'economia e delle finanze 10 dicembre
2003,  n.  383, gia' differiti dal decreto-legge 30 dicembre 2004, n.
314, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° marzo 2005, n. 26,
nonche¨  i termini di cui all'art. 7, comma 1, del regolamento di cui
al   decreto   del   Ministro   del  tesoro,  del  bilancio  e  della
programmazione  economica  13  aprile  2000,  n.  125, e all'articolo
1-bis,  comma 5, del decreto-legge 3 agosto 2004, n. 220, convertito,
con  modificazioni,  dalla  legge  19  ottobre  2004,  n.  257,  sono
ulteriormente differiti al 30 giugno 2006.
  2.  I finanziamenti di cui agli articoli 2 e 3 del decreto-legge 19
dicembre  1994, n. 691, convertito, con modificazioni, dalla legge 16
febbraio  1995,  n.  35,  riammessi  alle agevolazioni ai sensi degli
articoli  2  e 3 del citato regolamento di cui al decreto 10 dicembre
2003,  n.  383,  beneficiano  delle  provvidenze di cui agli articoli
4-quinquies,  comma  4,  del  decreto-legge  19  maggio 1997, n. 130,
convertito,  con modificazioni, dalla legge 16 luglio 1997, n. 228, e
4-bis,   comma   5,  del  decreto-legge  12  ottobre  2000,  n.  279,
convertito, con modificazioni, dalla legge 11 dicembre 2000, n. 365.
  3.  Le  disposizioni  di cui agli articoli 2 e 3 del regolamento di
cui  al  decreto  10  dicembre  2003, n. 383, relativamente ai lavori
svolti  in economia nonche' le disposizioni di cui agli articoli 5, 6
e  7 del medesimo regolamento, si applicano anche ai finanziamenti di
cui  all'articolo  4-quinquies  del  decreto-legge 19 maggio 1997, n.
130,  convertito,  con  modificazioni, dalla legge 16 luglio 1997, n.
228,  e  successive  modificazioni. Ai fini delle disposizioni di cui
all'art. 3, comma 1, lettera d), del decreto del Ministro del tesoro,
del  bilancio  e  della  programmazione  economica  24  aprile  1998,
pubblicato  nella  Gazzetta Ufficiale n. 171 del 24 luglio 1998, sono
ammesse  alle  agevolazioni,  nel  limite della capacita' produttiva,
anche se prodotte oltre la data del 31 dicembre 2002, le richieste di
integrazioni  per  maggiori  spese  sostenute  entro  il  periodo  di
preammortamento. ))