DECRETO-LEGGE 23 febbraio 1995, n. 41

Misure urgenti per il risanamento della finanza pubblica e per l'occupazione nelle aree depresse.

note: Entrata in vigore del decreto: 24-2-1995.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 22 marzo 1995, n. 85 (in G.U. 23/03/1995, n.69).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 15/06/2021)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 24-2-1995
                               Art. 6.
              Casellario dei trattamenti pensionistici
  1.  I  commi primo, secondo e terzo dell'articolo unico del decreto
del  Presidente  della  Repubblica  31  dicembre  1971, n. 1388, sono
sostituiti dai seguenti:
  "Presso  l'Istituto nazionale della previdenza sociale e' istituito
il  casellario  centrale  per  la  raccolta,  la  conservazione  e la
gestione   dei   dati  e  degli  elementi  relativi  ai  titolari  di
trattamenti pensionistici a carico:
    a)  dell'assicurazione  generale obbligatoria per la invalidita',
la vecchiaia ed i superstiti dei lavoratori dipendenti;
    b)  di  regimi  obbligatori  di  previdenza  sostitutivi di detta
assicurazione  o  che  ne abbiano comunque comportato la esclusione o
l'esonero;
    c)  di  regimi  obbligatori per l'erogazione di pensioni a favore
dei liberi professionisti;
    d)  di  qualunque  altro  regime  previdenziale  pensionistico  a
carattere obbligatorio;
    e)   di   qualunque  altra  forma  di  previdenza  integrativa  e
complementare.
  Gli   enti   erogatori   di  pensione  trasmettono  annualmente,  e
trimestralmente  per  i  trattamenti  pensionistici da iscrivere o da
cancellare  in  corso d'anno, al casellario centrale dei pensionati i
dati  e  gli elementi necessari per la gestione del casellario stesso
su  supporto magnetico o per via telematica, secondo le specifiche di
acquisizione  e  di  trasmissione  elaborate  e  comunicate agli enti
interessati dall'Istituto nazionale della previdenza sociale.
  Le  comunicazioni  annuali al casellario centrale dei pensionati di
cui al precedente comma devono essere effettuate entro il 30 novembre
di  ciascun  anno e, relativamente al trattamento di pensione erogato
nell'anno  1994, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore
del  presente  decreto.  Le  comunicazioni  trimestrali al casellario
centrale  dei  pensionati  relative  alle  iscrizioni e cancellazioni
devono  essere  effettuate entro il mese successivo alla scadenza del
trimestre stesso.
  Entro  trenta  giorni  dalla ricezione dei dati e degli elementi di
cui  al  comma  precedente  il  casellario  centrale  dei pensionati,
mediante  l'utilizzo di procedure automatizzate, individua i soggetti
titolari  di  due  o  piu'  trattamenti  pensionistici  e fornisce le
necessarie informazioni agli enti erogatori interessati.
  Nei  confronti dei soggetti che percepiscono due o piu' trattamenti
pensionistici  erogati  da  enti  diversi, il conguaglio previsto dal
terzo comma dell'articolo 23 e dal secondo comma dell'articolo 29 del
decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, e'
effettuato, sull'ammontare complessivo dei trattamenti pensionistici,
dall'ente che eroga il trattamento di maggior importo.
  Alla raccolta e conservazione dei dati e degli elementi relativi al
trattamento pensionistico ed alle ritenute operate alla fonte ai fini
dell'imposta  sul  reddito  delle  persone fisiche ed alla successiva
trasmissione  agli enti erogatori interessati, provvede il casellario
centrale  dei pensionati sulla base delle informazioni periodicamente
ricevute dagli enti stessi.
  Le  disposizioni  di cui ai precedenti commi hanno effetto anche ai
fini  del  contributo  per  le  prestazioni  del  Servizio  sanitario
nazionale previsto dall'articolo 5, comma 13, della legge 29 dicembre
1990, n. 407.".