DECRETO-LEGGE 18 gennaio 1992, n. 9

Disposizioni urgenti per l'adeguamento degli organici delle forze di polizia e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, nonche' per il potenziamento delle infrastrutture, degli impianti e delle attrezzature delle forze di polizia.

note: Entrata in vigore del decreto: 21/1/1992.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 28 febbraio 1992, n. 217 (in G.U. 09/03/1992, n.57).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 31/08/2013)
  • Articoli
  • AUMENTO DEGLI ORGANICI DEL PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI
    STATO, ALL'ARMA DEI CARABINIERI E AL CORPO DELLA GUARDIA DI
    FINANZA.
  • 1
  • agg.1
  • orig.
  • 2
  • 3
  • orig.
  • 4
  • AUMENTO DEGLI ORGANICI DEL PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA
    DI
    STATO, ALL'ARMA DEI CARABINIERI E AL CORPO DELLA GUARDIA
    DI
    FINANZA.
  • 4 bis
  • 5
  • agg.1
  • orig.
  • AUMENTO DEGLI ORGANICI DEL PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI
    STATO, ALL'ARMA DEI CARABINIERI E AL CORPO DELLA GUARDIA DI
    FINANZA.
  • 6
  • AUMENTO DEGLI ORGANICI DEL PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI
    STATO, ALL'ARMA DEI CARABINIERI E AL CORPO DELLA GUARDIA DI
    FINANZA.
  • 7
  • orig.
  • INFRASTRUTTURE, IMPIANTI E ATTREZZATURE
    TECNICO-LOGISTICHE DELLE FORZE DI POLIZIA
  • 8
  • orig.
  • 9
  • 10
  • orig.
  • 11
  • AUMENTO DEGLI ORGANICI E POTENZIAMENTO DELLE DOTAZIONI
    TECNICO-LOGISTICHE DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO.
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • Allegati
Testo in vigore dal: 31-10-2013
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 5. 
            Servizi in aree aeroportuali non richiedenti 
l'impiego di personale delle forze di polizia 
 
  1. Ferme restando le attribuzioni e  i  compiti  dell'autorita'  di
pubblica sicurezza e dell'autorita' doganale,  nonche'  i  poteri  di
polizia e di coordinamento attribuiti dalle disposizioni vigenti agli
organi  locali  dell'Amministrazione  della  navigazione  aerea,   e'
consentito l'affidamento in  concessione  dei  servizi  di  controllo
esistenti nell'ambito aeroportuale, per il cui  espletamento  non  e'
richiesto  l'esercizio  di  pubbliche   potesta'   o   l'impiego   di
appartenenti alle forze di polizia. 
  2. Ai fini di cui  al  comma  1,  il  Ministro  dei  trasporti,  di
concerto con il Ministro dell'interno, con proprio decreto stabilisce
le condizioni, gli ambiti funzionali,  gli  ambiti  funzionali  e  le
modalita' per l'affidamento in concessione dei  servizi  predetti,  i
requisiti dei soggetti concessionari, le  caratteristiche  funzionali
delle attrezzature tecniche di rilevazione  eventualmente  adoperate,
nonche' ogni altra prescrizione ritenuta necessaria per assicurare il
regolare svolgimento delle attivita' aeroportuali. 
  3. Il  Ministro  dei  trasporti,  con  proprio  decreto,  determina
altresi' gli importi dovuti all'erario dal  concessionario  e  quelli
posti  a  carico  dell'utenza  a  copertura   dei   costi   e   quale
corrispettivo del servizio reso. 
  4. In caso di necessita' l'autorita' di  pubblica  sicurezza  o  il
direttore dell'aeroporto possono  richiedere  che  siano  attuate  da
parte del concessionario particolari misure di controllo. 
  4-bis. All'articolo 1 della legge 28 dicembre 1989, n. 425 (a),  le
parole:  "(Francia  e  Svizzera)"  sono  sostituite  dalle  seguenti:
"(Francia, Svizzera e Austria)" . 
  ((4-ter. Nel rispetto dei principi europei, possono essere altresi'
affidati al gestore aeroportuale, da parte dell'ENAC: 
    a) il servizio di controllo del personale  aeroportuale  e  degli
equipaggi, compresi gli oggetti  trasportati  ed  il  possesso  delle
previste autorizzazioni, che accedono alle aree sterili attraverso le
aerostazioni passeggeri; 
    b) il controllo del personale aeroportuale, e di qualunque  altro
soggetto, compresi gli  oggetti  trasportati  ed  il  possesso  delle
previste autorizzazioni, che, attraverso  varchi  diversi  da  quelli
interni alle aerostazioni, accedono alle  aree  sterili,  nonche'  il
controllo dei veicoli  che,  muniti  delle  previste  autorizzazioni,
debbano recarsi in un'area sterile del sedime aeroportuale per il cui
accesso e' richiesta l'effettuazione di specifici controlli. 
  4-quater. I servizi di cui al comma 4 ter sono  svolti  secondo  le
procedure  indicate  dal  Programma  nazionale   per   la   sicurezza
dell'aviazione civile, con la supervisione  della  forza  di  polizia
prevista dal locale dispositivo di sicurezza. 
  4-quinquies. La supervisione sui servizi di  controllo  di  cui  al
comma 4 ter puo' essere svolta, secondo le esigenze locali e  con  le
modalita' stabilite dai Comitati di Sicurezza  Aeroportuali,  con  il
concorso delle altre forze di polizia previste dal locale dispositivo
di sicurezza.))