DECRETO-LEGGE 24 novembre 1990, n. 344

Corresponsione ai pubblici dipendenti di acconti sui miglioramenti economici relativi al periodo contrattuale 1988-1990, nonche' disposizioni urgenti in materia di pubblico impiego.

note: Entrata in vigore del decreto: 24/11/1990.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 23 gennaio 1991, n. 21 (in G.U. 23/01/1991, n.19).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 17/05/1997)
Testo in vigore dal: 24-11-1990
                               Art. 5.
  1.  Gli  stipendi  iniziali  annui  lordi  dei  dirigenti  civili e
militari  dello  Stato,  delle  categorie  di   personale   ad   essi
equiparate,   nonche'  dei  dipendenti  che  godono  dei  trattamenti
commisurati  o  rapportati  a  quelli   dei   dirigenti,   risultanti
dall'applicazione  dell'articolo  1,  comma  2,  del decreto-legge 27
dicembre 1989, n. 413, convertito, con modificazioni, dalla legge  28
febbraio  1990,  n.  37, sono incrementati del quindici per cento con
decorrenza 1  luglio 1990.
  2.  Alle categorie di personale destinatario dell'articolo 1, comma
1, del decreto-legge  27  dicembre  1989,  n.  413,  convertito,  con
modificazioni,  dalla  legge  28  febbraio  1990,  n.  37, si applica
l'articolo 7 del decreto del Presidente della  Repubblica  23  agosto
1988,  n.  395.  Si  applica  altresi'  l'articolo 16 del decreto del
Presidente della Repubblica 17 gennaio 1990, n. 44.
  3. L'orario ordinario di lavoro dei dirigenti delle Amministrazioni
civili dello  Stato,  anche  ad  ordinamento  autonomo,  nonche'  dei
dirigenti  degli  enti  pubblici  non economici di cui al decreto del
Presidente della Repubblica 5 dicembre 1987, n. 551, e' stabilito  in
36   ore   settimanali.   E'   soppressa   la  disposizione  prevista
dall'articolo 20, comma  primo,  del  decreto  del  Presidente  della
Repubblica 30 giugno 1972, n. 748.