DECRETO-LEGGE 6 novembre 1989, n. 357

Norme in materia di reclutamento del personale della scuola.

note: Entrata in vigore del decreto: 8/11/1989.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 27 dicembre 1989, n. 417 (in G.U. 02/01/1990, n.1).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 28/02/2022)
Testo in vigore dal: 3-1-1990
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 10. 
  1. Ai trasferimenti sono assegnati esclusivamente le cattedre ed  i
posti di insegnamento la cui  disponibilita',  nella  misura  fissata
dall'articolo 19, secondo comma, della legge 20 maggio 1982, n.  270,
e successive modificazioni, si venga a verificare entro il  31  marzo
di ciascun anno. 
  2. Le cattedre ed  i  posti  di  insegnamento  che  risultino,  per
qualsiasi causa, disponibili e vacanti dopo  tale  data  sono  invece
assegnati, nella misura intera,  alle  nuove  nomine  in  ruolo,  che
saranno disposte su sedi provvisorie. 
  3. Le disposizioni contenute nel  presente  articolo  si  applicano
altresi'  per  i  trasferimenti  e  le  nuove  nomine  del  personale
direttivo, del personale educativo e  del  personale  amministrativo,
tecnico ed ausiliario. 
  4. Il personale ispettivo,  direttivo,  docente,  educativo  e  non
docente della scuola materna,  elementare,  secondaria  ed  artistica
dello Stato, che abbia presentato le proprie dimissioni dall'impiego,
non puo' revocarle dopo il 31 marzo successivo. 
  5. Le dimissioni presentate dopo tale data,  ma  prima  dell'inizio
dell'anno scolastico successivo, avranno  effetto  dal  1›  settembre
dell'anno che segue il suddetto anno scolastico. 
  6. Il servizio utile da prendere in considerazione, insieme con  il
servizio  effettivo,  ai  sensi  dell'articolo  40  del  decreto  del
Presidente della Repubblica 29 dicembre 1973, n. 1092, ai fini  della
permanenza in servizio prevista dall'articolo  15,  secondo  e  terzo
comma,  della  legge  30  luglio  1973,  n.  477,   deve   intendersi
comprensivo di tutti i servizi  e  periodi  riscattati,  computati  e
ricongiunti  per  il  trattamento  di  quiescenza  con  provvedimento
formale. ((PERIODO SOPPRESSO DALLA L. 27 DICEMBRE 1989, N. 417)). 
  7. Le richieste di permanenza in servizio di cui  all'articolo  15,
secondo e terzo comma, della legge 30 luglio 1973, n. 477, a  partire
dall'anno scolastico 1989-1990, devono essere  prodotte,  a  pena  di
decadenza,  entro  il  31   marzo   dell'anno   di   compimento   del
sessantacinquesimo anno di eta'. 
  ((7-bis. E' riaperto fino al 30 settembre 1990 il termine  previsto
al primo comma dell'articolo 70 della legge 11 luglio 1980, n. 312, e
successive modifiche ed integrazioni)).