DECRETO-LEGGE 8 febbraio 1988, n. 27

Misure urgenti per le dotazioni organiche del personale degli ospedali e per la razionalizzazione della spesa sanitaria.

note: Entrata in vigore del decreto: 10/02/1988.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 08 aprile 1988, n. 109 (in G.U. 09/04/1988, n.83).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 09/04/1988)
Testo in vigore dal: 9-4-1988
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 5. 
                 Finanziamento di programmi speciali 
  1.  Nei  limiti  degli  stanziamenti  previsti  nel  bilancio   del
Ministero della sanita' per l'attuazione di programmi e di interventi
mirati alla lotta ed alla prevenzione delle infezioni da HIV e  delle
sindromi relative, il  Ministro  della  sanita'  provvede,  anche  in
deroga  alle  norme  vigenti  ivi  comprese  quelle  di  contabilita'
generale dello Stato, alla erogazione delle somme occorrenti  per  la
costruzione o per la ristrutturazione di appositi reparti  o  sezioni
ospedaliere,  nonche'  di  quelle   occorrenti   per   programmi   di
informazione  e   prevenzione   a   carattere   nazionale   o   volti
particolarmente a favore delle strutture sedi di grandi comunita'. Il
controllo della Corte dei conti e' esercitato  sul  rendiconto  delle
spese impegnate sugli stanziamenti dei singoli capitoli dal Ministero
della sanita'. 
  2. Sullo stanziamento del Fondo sanitario nazionale per l'anno 1988
e'  riservato,  quale  quota  a  destinazione  vincolata   ai   sensi
dell'articolo 17 della legge 22 dicembre 1984, n. 887,  l'importo  di
lire 850 miliardi per attivita' individuate con decreto del  Ministro
della sanita', sentito il Consiglio sanitario nazionale. 
  3. Nell'ambito delle attivita' di cui al comma  2  viene  riservato
l'importo di lire 110 miliardi per programmi  speciali  di  interesse
nazionale, tra i quali l'erogazione di borse  di  studio  biennali  a
7.500  medici  neolaureati   per   lo   svolgimento   del   tirocinio
teorico-pratico per la formazione  specifica  in  medicina  generale,
secondo la direttiva  del  Consiglio  della  CEE  n.  86/457  del  15
settembre 1986. E' altresi' riservato l'importo di lire  25  miliardi
per il potenziamento delle attivita' svolte dai consultori  familiari
di cui alla legge 29 luglio 1975, n. 405. 
  ((4. Le quote di cui al  comma  2,  escluse  quelle  riservate  per
programmi speciali di interesse nazionale di cui al comma 3,  possono
essere utilizzate per non piu' del 50 per cento  del  loro  ammontare
per  l'acquisto  di   attrezzature   o   per   limitati   lavori   di
ristrutturazione, anche finalizzati ad attivita' didattiche di cui al
comma 3)).