DECRETO-LEGGE 1 luglio 1986, n. 318

Provvedimenti urgenti per la finanza locale.

note:
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 09 agosto 1986, n. 488 (in G.U. 18/08/1986, n.190).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 29/12/2012)
Testo in vigore dal: 22-8-1986
aggiornamenti all'articolo
                             Art. 9-bis
(Contrazione di mutui  da  parte di aziende speciali municipalizzate,
                   provincializzate o consortili.)

  1.   Le   aziende   speciali  municipalizzate,  provincializzate  o
consortili,  previa  deliberazione  del  consiglio  o  dell'assemblea
dell'ente  proprietario,  e  le  societa'  per  azioni  a  prevalente
capitale  di enti locali territoriali che gestiscono pubblici servizi
sono autorizzate a contrarre mutui direttamente con la Cassa depositi
e  prestiti,  con gli istituti di previdenza e con gli altri istituti
di  credito  che  concedono  mutui  agli enti locali. Ai mutui di cui
sopra si applicano le norme di cui ai commi 1, 2 e 3 dell'articolo 9.
  2.  Ai  mutui di cui al comma 1 si applicano le disposizioni di cui
alla  legge  4  luglio 1967, numero 537, modificata, da ultimo, dalla
legge 3 novembre 1971, n. 1069.
  3.   Sino   all'entrata   in   vigore   della   legge   di  riforma
dell'ordinamento   dei   servizi   pubblici  degli  enti  locali,  e'
consentita  la costituzione di nuove aziende speciali per la gestione
di  servizi  in  concessione  o  appaltati  a  terzi  ovvero  gestiti
direttamente   in   economia,   esclusivamente  qualora  si  accresca
l'efficienza  del  servizio  ((e  non)) si produca lievitazione degli
oneri a carico degli enti locali.
  4.  E'  in  ogni  caso  consentita l'assegnazione di nuovi servizi,
comunque   gestiti,  a  preesistenti  aziende  speciali,  nonche'  la
costituzione di nuove aziende speciali consorziali in sostituzione di
una  o  piu'  preesistenti aziende speciali municipalizzate da porre,
contestualmente, in liquidazione.