DECRETO-LEGGE 28 febbraio 1986, n. 48

Proroga di termini e interventi urgenti per la rinascita delle zone terremotate della Campania e della Basilicata.

note:
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 18 aprile 1986, n. 119 (in G.U. 26/04/1986, n.96).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 22/01/2003)
Testo in vigore dal: 14-8-1986
aggiornamenti all'articolo
                                Art. 6.
                  Avviamento al lavoro dei giovani

    Nelle  regioni Campania e Basilicata le commissioni regionali per
  l'impiego  individuano, entro sessanta giorni dalla data di entrata
  in  vigore  del  presente  decreto,  e  fatte  salve  le precedenti
  deliberazioni,  i  bacini di mano d'opera con riferimento ai comuni
  disastrati  ovvero  alle  comunita'  montane di cui all'articolo 60
  della legge 14 maggio 1981, n. 219, e successive modificazioni, dai
  quali le imprese beneficiarie dei contributi previsti dall'articolo
  32  della legge medesima dovranno attingere la manodopera, anche in
  deroga alla normativa vigente.
    Entro  lo  stesso termine determinano i criteri e le modalita' di
  avviamento  al lavoro presso le indicate imprese, dei disoccupati e
  dei  giovani da assumere con contratto di formazione e lavoro, nati
  o  residenti, all'epoca dell'evento sismico, in detti bacini.((Fino
  al  31  dicembre  1986  i contratti di formazione e lavoro dovranno
  realizzarsi  almeno  per il 50 per cento per chiamata numerica alle
  competenti commissioni)).