DECRETO-LEGGE 3 aprile 1985, n. 114

Provvedimenti in favore della popolazione di Zafferana Etnea ed altre disposizioni in materia di calamita' naturali.

note:
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 30 maggio 1985, n. 211 (in G.U. 31/05/1985, n.127).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 30/06/1986)
Testo in vigore dal: 14-8-1986
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 4.

  La   disposizione   del  comma  1  dell'articolo  13-quinquies  del
decreto-legge  26 maggio 1984, n. 159, convertito, con modificazioni,
nella legge 24 luglio 1984, n. 363, deve intendersi nel senso che per
i  pagamenti  delle imposte dirette effettuati mediante ritenuta alla
fonte  la  sospensione  si applica soltanto per le ritenute operate a
titolo  d'acconto  ai  sensi  degli  articoli 23, 24, 25, 25-bis, 28,
secondo  comma,  e  29 del decreto del Presidente della Repubblica 29
settembre 1973, n. 600, e successive modificazioni, nei confronti dei
soggetti  residenti,  alla  data  degli  eventi  sismici,  nei comuni
individuati  con  l'ordinanza del Ministro per il coordinamento della
protezione  civile  ivi  prevista.  Non  si fa luogo a rimborso delle
ritenute  gia'  operate  alla  data di entrata in vigore del presente
decreto.
  1-bis. La sospensione del pagamento delle imposte dirette di cui al
precedente comma si applica fino al 30 giugno 1986.
  1-ter.  La  sospensione  di cui al precedente comma 1 si applica, a
decorrere  dalla data di entrata in vigore della legge di conversione
del presente decreto, fino al 30 giugno 1986, anche nei confronti dei
soggetti  residenti,  alla  data del 15 settembre 1983, nei comuni di
Pozzuoli, Bacoli e Monte di Procida.
  1-quater.  Il  comma 2 dell'articolo 13-quinquies del decreto-legge
26 maggio 1984, n. 159, convertito in legge, con modificazioni, dalla
legge 24 luglio 1984, n. 363, e' sostituito dal seguente:
    "2.  Ai  soggetti  di cui al precedente comma 1, relativamente ai
periodi  di  imposta nei quali opera la sospensione ivi prevista, non
si  applica  l'esonero  dalla  presentazione  della dichiarazione dei
redditi  di cui all'articolo 1, quarto comma, lettera d), del decreto
del  Presidente  della  Repubblica  29  settembre  1973,  n.  600,  e
successive modificazioni".
  Relativamente ai medesimi periodi di imposta i sostituti di imposta
devono  inoltre  indicare  nel  certificato di cui all'articolo 3 del
predetto  decreto  che  non  sono state operate, in tutto o in parte,
ritenute  per effetto del precedente comma 1 e nella dichiarazione di
cui  all'articolo 7 dello stesso decreto, separatamente, i nominativi
dei  soggetti  nei cui confronti, in base alla medesima disposizione,
non  sono  state  operate,  in  tutto  o in parte, le ritenute e, per
ciascun  percipiente,  l'ammontare  delle  somme  corrisposte  e  non
assoggettate a ritenuta.
  La  riscossione  dell'imposta  sul  reddito  delle persone fisiche,
dell'imposta  sul  reddito  delle  persone  giuridiche,  dell'imposta
locale  sui  redditi,  e  dell'addizionale straordinaria sull'imposta
locale  sui  redditi,  dovute dai soggetti, ivi compresi i dipendenti
pubblici  e privati, di cui al comma 1 dell'articolo 13-quinquies del
decreto-legge  26 maggio 1984, n. 159, convertito, con modificazioni,
nella  legge  24  luglio  1984,  n. 363, per i periodi di imposta nei
quali ha operato la sospensione, e' effettuata, senza applicazione di
soprattasse  ed interessi, sulla base delle dichiarazioni dei redditi
relative  ai  periodi di imposta medesimi, in ((venti rate)) iscritte
in  ruoli principali scadenti alle date previste dall'articolo 18 del
decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602.
  Il  recupero  dei  contributi, ivi compresi quelli previdenziali ed
assistenziali  dovuti  per  i  dipendenti pubblici e privati, avviene
mediante  pagamento  rateizzato  in ((ventiquattro rate)) bimestrali,
senza  interessi  o  altri  oneri,  a decorrere dal mese di settembre
1986.
  1-quinquies.  I  redditi  dei  fabbricati  colpiti  da ordinanza di
sgombero  nei  comuni  di  Pozzuoli,  Bacoli  e Monte di Procida sono
esclusi,  per gli anni 1984 e 1985, dall'imposta locale sui redditi e
non  concorrono  alla  formazione  del  reddito  imponibile  ai  fini
dell'imposta sul reddito delle persone fisiche.
  1-sexies.  Ai  datori  di  lavoro  di  cui  all'articolo  5-bis del
decreto-legge  7  novembre  1983,  n.  623,  convertito in legge, con
modificazioni,  dalla  legge 23 dicembre 1983, n. 748, e all'articolo
16  della  legge 18 aprile 1984, n. 80, e' concesso, relativamente al
personale   occupato,   l'esonero   dal   pagamento   dei  contributi
previdenziali  anche  per  il periodo di paga in scadenza nel mese di
agosto 1983.
  1-septies.  Per  i  periodi  di  paga  dal  10 settembre 1983 al 31
dicembre  1984,  e'  concesso  l'esonero dal pagamento dei contributi
previdenziali  e  assistenziali  per la quota a carico dei lavoratori
dipendenti dai datori di lavoro di cui al comma precedente nonche' da
quelli  le  cui aziende siano ubicate nel raggio di 50 chilometri dal
comune di Pozzuoli, limitatamente ai lavoratori residenti a Pozzuoli,
Bacoli e Monte di Procida.
  1-octies.  Il  Fondo  per  la  protezione civile rimborsa, entro il
limite  massimo  di  lire 800 milioni, alle gestioni previdenziali ed
assistenziali  le  somme  corrispondenti  ai  contributi  di  cui  ai
precedenti commi su presentazione di appositi rendiconti.
  1-novies.  I  giovani interessati alla chiamata alle armi nell'anno
1985,  purche'  residenti  nei  comuni di Pozzuoli, Bacoli e Monte di
Procida,  a  domanda  possono  prestare il servizio militare di leva,
anche  se  gia' arruolati o in servizio, nel territorio del distretto
militare di Napoli.