DECRETO-LEGGE 20 dicembre 1984, n. 859

Ripianamento delle passivita' finanziarie degli enti e delle aziende portuali.

note:
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 17 febbraio 1985, n. 20 (in G.U. 18/02/1985, n.42).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 31/12/1987)
Testo in vigore dal: 1-1-1988
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 4.

1.  Allo  scopo  di predisporre un progetto organico di riforma degli
ordinamenti  degli  enti autonomi e delle aziende portuali nonche' di
riassetto   delle   relative   gestioni,  il  Ministro  della  marina
mercantile,  entro  sessanta  giorni  dalla data di entrata in vigore
della legge di conversione del presente decreto, provvede con proprio
decreto  ad  istituire  una  commissione interministeriale che dovra'
concludere  i lavori entro sei mesi dalla data della sua istituzione.
(2) ((3))
2.  Della  commissione di cui al precedente comma faranno parte anche
tre  rappresentanti  delle  organizzazioni sindacali di categoria, un
rappresentante  del comitato dell'utenza portuale, due rappresentanti
dell'Associazione  nazionale  dei  porti  ed  un rappresentante della
Confederazione italiana dei dirigenti d'azienda.
---------------
AGGIORNAMENTO (2)
  Il  D.L.  17  dicembre  1986,  n. 873, convertito con modificazioni
dalla  L. 13 febbraio 1987, n. 26 ha disposto (con l'art. 1, comma 6)
che  "Il  termine  per la conclusione dei lavori della commissione di
cui  all'articolo  4  del  decreto-legge  20  dicembre  1984, n. 859,
convertito,  con  modificazioni, dalla legge 17 febbraio 1985, n. 20,
incaricata  di  predisporre  un  progetto  organico  di riforma degli
ordinamenti  degli  enti  autonomi  portuali e delle aziende portuali
nonche'  di  riassetto  delle  relative  gestioni, e' prorogato al 31
dicembre 1987".
---------------
AGGIORNAMENTO (3)
  Il D.L. 29 dicembre 1987, n. 534 convertito con modificazioni dalla
L.  29  febbraio 1988, n. 47 ha disposto (con l'art. 19, comma 1) che
"Il  termine  per  la conclusione dei lavori della commissione di cui
all'articolo   4   del   decreto-legge  20  dicembre  1984,  n.  859,
convertito,  con  modificazioni, dalla legge 17 febbraio 1985, n. 20,
incaricata  di predisporre un progetto organico di riforma degli enti
autonomi  portuali  e  delle  aziende portuali, nonche' del riassetto
delle  relative gestioni ai sensi del medesimo articolo 4 e del comma
6  dell'articolo  1  del  decreto-legge  17  dicembre  1986,  n. 873,
convertito,  con  modificazioni, dalla legge 13 febbraio 1987, n. 26,
e' prorogato al 31 gennaio 1988".