DECRETO-LEGGE 23 gennaio 1982, n. 9

Norme per l'edilizia residenziale e provvidenze in materia di sfratti.

note:
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 25 marzo 1982, n. 94 (in G.U. 26/03/1982, n.84).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 21/06/2002)
Testo in vigore dal: 25-1-1982
                              Art. 11.

  Nella  ipotesi  di  cui  al primo comma dell'articolo 10 la istanza
deve  essere  presentata  dal  conduttore, a pena di decadenza, entro
venti  giorni  dalla  data di entrata in vigore del presente decreto;
nelle  ipotesi di cui al secondo e terzo comma, l'istanza deve essere
presentata  almeno  venti  giorni  prima  della  scadenza del termine
fissato  e  se questo cade entro i venti giorni dalla data di entrata
in vigore del presente decreto, non oltre venti giorni da tale data.
  Alla istanza debbono essere allegati una copia del titolo esecutivo
nonche'  le  attestazioni  relative all'entita' del reddito proprio e
dei  componenti  il nucleo familiare ed ogni altro documento ritenuto
necessario;  di tali allegazioni deve essere fatta specifica menzione
nell'istanza.
  Il  conduttore,  entro  cinque  giorni  dalla  presentazione,  deve
provvedere  a tutti gli adempimenti previsti dalla legge a suo carico
per   la   notifica   dell'istanza   al   locatore  ed  all'eventuale
beneficiario  del  provvedimento  di  rilascio.  Questi,  entro dieci
giorni dall'avvenuta notifica, possono presentare deduzioni scritte e
produrre ogni documento ritenuto necessario.
  Dalla  data  di  presentazione  della  istanza  di graduazione sino
all'emissione del decreto del pretore la esecuzione del provvedimento
di  rilascio  rimane  sospesa.  Il  provvedimento  di  rilascio  puo'
peraltro   essere   eseguito   qualora  il  conduttore  non  provveda
tempestivamente agli adempimenti per la notifica della istanza.
  Il  pretore, acquisita la prova dell'avvenuta notificazione nonche'
le  deduzioni e produzioni del locatore e dell'eventuale beneficiario
e  sentite le parti, ove lo reputi indispensabile, decide con decreto
sull'istanza.
  Il provvedimento e' immediatamente comunicato a cura della
  cancelleria   al   conduttore,   al   locatore   ed   all'eventuale
  beneficiario.
Il pretore, nelle ipotesi di cui al primo, secondo e terzo comma
dell'articolo  10,  determina  il  giorno  dell'esecuzione sulla base
delle particolari circostanze di fatto anche relative alla situazione
economica  delle  parti,  esaminata  quest'ultima comparativamente in
relazione  a  circostanze  sopravvenute al provvedimento di rilascio,
delle  ragioni della decisione, del tempo trascorso dalla data in cui
il provvedimento di rilascio e' divenuto esecutivo.