DECRETO-LEGGE 28 maggio 1981, n. 251

Provvedimenti per il sostegno delle esportazioni italiane.

note:
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 29 luglio 1981, n. 394 (in G.U. 29/07/1981, n.206).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 21/09/2019)
Testo in vigore dal: 1-1-1985
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
  	
                              Art. 11.

  L'ICE  e'  autorizzato a stipulare con le aziende agricole e con le
piccole   e   medie  imprese  che  svolgono  attivita'  diretta  alla
produzione  di  beni e servizi, nonche' con consorzi e raggruppamenti
fra  le  stesse  costituiti,  convenzioni per la predisposizione e la
realizzazione, in Paesi diversi da quelli delle Comunita' europee, di
progetti  coerenti  con le linee e gli obiettivi del programma di cui
all'articolo 2 della legge 16 marzo 1976, n. 71, riguardanti studi di
mercato,  spese  di  dimostrazione  e  pubblicita',  partecipazione a
mostre e fiere campionarie internazionali.
  Saranno  poste a carico delle imprese di cui al precedente comma le
spese   che   non   rientrano  negli  oneri  generali  relativi  allo
svolgimento dei compiti istituzionali dell'ICE.
  Con  la  relazione di cui all'articolo 3 della legge 16 marzo 1976,
n.  71,  l'ICE  riferira'  partitamente  sulle  attivita'  svolte e i
risultati conseguiti.
  E'  autorizzata  per  il  triennio  1981-83  la  spesa  di  lire 50
miliardi,   da   iscriversi  in  apposito  capitolo  dello  stato  di
previsione  del  Ministero  del  commercio con l'estero in ragione di
lire  10  miliardi  per il 1981, di lire 20 miliardi per il 1982 e di
lire  20 miliardi per il 1983, da erogare all'ICE con le modalita' di
cui  agli  articoli  1,  3, 4 e 6 della legge 16 marzo 1976, n. 71, a
rimborso   dei   maggiori  oneri  sostenuti  ai  sensi  del  presente
articolo.((2))
------------
AGGIORNAMENTO (2)
La L. 22 dicembre 1984, n.887 ha disposto (con l'art.9 comma 7) che:"
L'autorizzazione di spesa di cui all'articolo 11 del decreto-legge 28
maggio  1981,  n.  251, convertito in legge, con modificazioni, dalla
legge  29  luglio  1981,  n.  394, e' ridotta di lire 23.500.000.000.
Detta  somma,  conservata  nel conto dei residui passivi sul capitolo
1613  dello  stato  di  previsione  del  Ministero  del commercio con
l'estero per l'anno 1985, e' versata in apposito capitolo dello stato
di  previsione  dell'entrata per essere, con decreti del Ministro del
tesoro,  portata  in aumento dello stanziamento del capitolo 1610 del
predetto stato di previsione del Ministero del commercio con l'estero
per l'anno finanziario 1985."