DECRETO-LEGGE 8 luglio 1974, n. 264

Norme per l'estinzione dei debiti degli enti mutualistici nei confronti degli enti ospedalieri, il finanziamento della spesa ospedaliera e l'avvio della riforma sanitaria.

note:
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 17 agosto 1974, n. 386 (in G.U. 29/08/1974, n.225).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 04/08/1982)
Testo in vigore dal: 30-8-1974
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 4.

  A  decorrere  dal  periodo  di paga in corso alla data del 1 luglio
1974  e'  istituita  una aliquota aggiuntiva ai contributi dovuti per
l'assicurazione  obbligatoria  contro  le  malattie,  in  misura pari
all'1,65%  della retribuzione imponibile ai fini contributivi, di cui
l'1,50  a  carico  dei  datori  di  lavoro  e  lo  0,15  a carico dei
lavoratori.
  A   decorrere   dal  1  luglio  1974  e'  stabilito  un  contributo
giornaliero  aggiuntivo  a quello previsto per l'assicurazione contro
le  malattie dall'art. 4, lettera A) della legge 26 febbraio ((1963))
n.  329,  modificato  dall'art.  7 della legge 8 agosto 1972, n. 457,
nella misura appresso indicata:
    lire  20,  di cui L. 2 a carico del lavoratore, per ogni giornata
di lavoro di uomo o di donna;
    lire  18,50,  di  cui  L.  1,50 a carico del lavoratore, per ogni
giornata di lavoro di ragazzo.
  ((A  decorrere dal 1 luglio 1974, e' istituita una quota aggiuntiva
annua    ai   contributi   dovuti   dai   lavoratori   autonomi   per
l'assicurazione   contro   le   malattie,   ai  sensi  delle  vigenti
disposizioni,  nella misura di L. 3.300 a carico di ciascun artigiano
ed  esercente  attivita'  commerciale  e  nella  misura di L. 1.650 a
carico   di   ciascun  coltivatore  diretto.  Per  ciascun  familiare
assistibile  la  quota aggiuntiva e' determinata nella misura di lire
1.650)).