DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 25 novembre 2010, n. 223

Regolamento recante semplificazione e riordino dell'erogazione dei contributi all'editoria, a norma dell'articolo 44 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133. (10G0245)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 07/01/2011 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 29/05/2017)
Testo in vigore dal: 1-1-2019
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 12 
 
 
Calcolo dei contributi di cui all'articolo 4  della  legge  7  agosto
                            1990, n. 250 
 
  1. Le imprese radiofoniche private che abbiano svolto attivita'  di
informazione di interesse generale ai  sensi  della  legge  7  agosto
1990, n. 230, mantengono il diritto  all'intero  contributo  previsto
dalla legge 7 agosto 1990, n. 250, e dalla legge 14 agosto  1991,  n.
278, anche in presenza di riparto percentuale tra  gli  altri  aventi
diritto. 
  2. ((COMMA ABROGATO DAL D.LGS. 15 MAGGIO 2017, N. 70)). 
  3. Con esclusione delle erogazioni a favore delle imprese di cui al
comma 1,  le  erogazioni  previste  dall'articolo  10-bis,  comma  1,
lettera c), del decreto-legge 1° ottobre 2007,  n.  159,  convertito,
con modificazioni,  dalla  legge  29  novembre  2007,  n.  222,  sono
effettuate,  ove  necessario,  mediante  riparto  percentuale   delle
risorse disponibili fra tutte le imprese  radiofoniche  e  televisive
aventi titolo ai sensi del presente Capo. 
  4. I contributi previsti dagli articoli 4 e 8 della legge 7  agosto
1990, n. 250, dall'articolo 11 della legge 25 febbraio 1987,  n.  67,
dall'articolo 23 della legge 6 agosto 1990, n. 223, per le  emittenti
radiofoniche e televisive, non possono comunque  eccedere,  per  ogni
singola impresa, l'importo di 4 milioni di euro. 
  5. Fatto salvo quanto previsto dal comma 1 del  presente  articolo,
in caso di  insufficienza  delle  risorse  stanziate  sul  pertinente
capitolo del bilancio autonomo della  Presidenza  del  Consiglio  dei
Ministri, agli aventi titolo  spettano  contributi  ridotti  mediante
riparto proporzionale.