DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 maggio 2002, n. 115

Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia. (Testo A).

note: entrata in vigore del decreto: 1-7-2002 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 06/06/2020)
vigente al 21/10/2020
  • Allegati
Testo in vigore dal: 30-10-2016
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                         ART. 192 (( (L) )) 
                   (( (Modalita' di pagamento).)) 
 
  ((1. Salvo il caso previsto dal comma 2, il contributo unificato e'
corrisposto mediante: 
    a) versamento ai concessionari; 
    b) versamento in conto corrente postale intestato alla sezione di
tesoreria provinciale dello Stato; 
    c) versamento presso le rivendite di generi  di  monopolio  e  di
valori bollati. 
  2. Il contributo  unificato  per  i  ricorsi  proposti  dinanzi  al
giudice amministrativo e' versato  secondo  modalita'  stabilite  con
decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, da adottare entro
trenta  giorni  dalla  data  di  entrata  in  vigore  della  presente
disposizione, sentito il presidente del Consiglio di Stato. 
  3. Il comma 2 si applica ai ricorsi depositati successivamente alla
data di entrata in vigore del decreto di cui  al  medesimo  comma  2.
Nelle more dell'adozione del decreto di cui al comma 2, si  applicano
le disposizioni di cui al comma 1. 
  4. Fatto salvo quanto previsto dal comma 2 del  presente  articolo,
resta fermo il disposto dell'articolo 191. 
  5. Dall'attuazione dei commi 2 e 3  non  devono  derivare  nuovi  o
maggiori oneri per la finanza pubblica)). 
                                                               ((50)) 
------------- 
AGGIORNAMENTO (50) 
  Il D.L. 31 agosto 2016, n. 168, convertito con modificazioni  dalla
L. 25 ottobre 2016, n. 197 ha disposto (con l'art. 7, comma 3) che la
presente modifica ha efficacia con riguardo ai giudizi introdotti con
i ricorsi depositati, in primo o in secondo grado, a far data dal  1°
gennaio 2017;  ai  ricorsi  depositati  anteriormente  a  tale  data,
continuano ad applicarsi, fino all'esaurimento del grado di  giudizio
nel quale sono pendenti alla data stessa e comunque non oltre  il  1°
gennaio 2018, le norme vigenti alla data di  entrata  in  vigore  del
medesimo D.L. 31 agosto 2016, n. 168.