DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 11 luglio 1980, n. 753

Nuove norme in materia di polizia, sicurezza e regolarita' dell'esercizio delle ferrovie e di altri servizi di trasporto.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 20/06/2017)
vigente al 01/10/2020
  • Articoli
  • TITOLO I
    DISPOSIZIONI GENERALI
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • TITOLO II
    COMPORTAMENTO DEGLI UTENTI DELLE FERROVIE E DEL PUBBLICO
    IN GENERE NELL'AMBITO FERROVIARIO E IN PROSSIMITA' DELLO STESSO.
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • TITOLO III
    DISCIPLINA DELLE SEPARAZIONI DELLE PROPRIETA' LATERALI DALLA SEDE
    FERROVIARIA E DI ALTRI SERVIZI DI TRASPORTO, DELLE SERVITU' E
    DELL'ATTIVITA' DI TERZI IN PROSSIMITA' DELLA SEDE FERROVIARIA AI FINI
    DELLA TUTELA DELLA SICUREZZA DELL'ESERCIZIO
  • 36
  • 37
  • 38
  • 39
  • 40
  • 41
  • 42
  • 43
  • 44
  • 45
  • 46
  • 47
  • 48
  • 49
  • 50
  • 51
  • 52
  • 53
  • 54
  • 55
  • 56
  • 57
  • 58
  • 59
  • 60
  • 61
  • 62
  • 63
  • TITOLO IV
    SISTEMA DI PROTEZIONE DEGLI ATTRAVERSAMENTI DEI PASSAGGI
    A LIVELLO E PRESCRIZIONI PER GLI UTENTI
  • 64
  • 65
  • 66
  • TITOLO V
    UTILIZZAZIONE DEL PERSONALE E SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI TRASPORTO IN
    CASO DI MOBILITAZIONE DELLE FORZE ARMATE E DI GUERRA
  • 67
  • TITOLO VI
    INTERVENTI PER LA RIMOZIONE DEI CADAVERI RINVENUTI
    SULLA SEDE FERROVIARIA
    E PER LA RIMOZIONE DEL MATERIALE IN CASO DI INCIDENTE
  • 68
  • 69
  • 70
  • TITOLO VII
    ATTIVITA' DI PREVENZIONE E ACCERTAMENTO DELLE INFRAZIONI ALLE NORME
    RELATIVE ALLA POLIZIA DEI TRASPORTI.
    APPLICAZIONE DELLE RELATIVE SANZIONI E DEVOLUZIONE DEI PROVENTI

    Capo I
    GENERALITA'
  • 71
  • Capo II
    PROCEDURA PER L'APPLICAZIONE DELLE SANZIONI PENALI
  • 72
  • 73
  • 74
  • 75
  • 76
  • 77
  • Capo III
    PROCEDURA PER L'APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE
  • 78
  • 79
  • 80
  • 81
  • 82
  • 83
  • 84
  • 85
  • 86
  • 87
  • 88
  • TITOLO VIII
    OBBLIGHI E RESPONSABILITA' DEI DIRETTORI DI ESERCIZIO DELLE FERROVIE
    IN CONCESSIONE
  • 89
  • 90
  • 91
  • 92
  • 93
  • 94
  • TITOLO IX
    DETERMINAZIONE DEGLI ORGANI COMPETENTI AD EMANARE NORME REGOLAMENTARI
    E DI DISPOSIZIONI INTERNE

    Capo I
    DISPOSIZIONI COMUNI
  • 95
  • Capo II
    DISPOSIZIONI RIGUARDANTI LE FERROVIE DELLO STATO
  • 96
  • 97
  • 98
  • 99
  • Capo III
    DISPOSIZIONI RIGUARDANTI LE FERROVIE IN CONCESSIONE
  • 100
  • 101
  • 102
  • TITOLO X
    DISPOSIZIONI FINALI
  • 103
  • 104
Testo in vigore dal: 30-11-1980
attiva riferimenti normativi
                              Art. 52.

  Lungo  i  tracciati delle ferrovie e' vietato far crescere piante o
siepi ed erigere muriccioli di cinta, steccati o recinzioni in genere
ad  una  distanza  minore  di  metri sei dalla piu' vicina rotaia, da
misurarsi in proiezione orizzontale.
  Tale  misura  dovra',  occorrendo,  essere aumentata in modo che le
anzidette  piante  od  opere  non si trovino mai a distanza minore di
metri due dal ciglio degli sterri o dal piede dei rilevati.
  Le distanze potranno essere diminuite di un metro per le siepi,
  muriccioli  di  cinta  e  steccati di altezza non maggiore di metri
  1,50.
Gli alberi per i quali e' previsto il raggiungimento di un'altezza
massima superiore a metri quattro non potranno essere piantati ad una
distanza  dalla  piu'  vicina rotaia minore della misura dell'altezza
massima raggiungibile aumentata di metri due.
  Nel  caso  che il tracciato della ferrovia si trovi in trincea o in
rilevato, tale distanza dovra' essere calcolata, rispettivamente, dal
ciglio dello sterro o dal piede del rilevato.
  A  richiesta  del  competente  ufficio lavori compartimentale delle
F.S.,  per  le  ferrovie  dello Stato, o del competente ufficio della
M.C.T.C.,  su  proposta  delle  aziende esercenti, per le ferrovie in
concessione,  le  dette distanze debbono essere accresciute in misura
conveniente per rendere libera la visuale necessaria per la sicurezza
della circolazione nei tratti curvilinei.
  Le  norme  del  presente  articolo  non  si applicano ai servizi di
pubblico trasporto di cui al terzo comma dell'art. 36.