DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 19 giugno 1979, n. 348

Norme di attuazione dello statuto speciale per la Sardegna in riferimento alla legge 22 luglio 1975, n. 382 e al decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 19/03/2004)
vigente al 15/07/2015
  • Articoli
  • TITOLO I
    DISPOSIZIONI GENERALI
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • TITOLO II
    SERVIZI SOCIALI

    Capo I
    POLIZIA LOCALE URBANA E RURALE
  • 12
  • 13
  • 14
  • Capo II
    ASSISTENZA E BENEFICENZA PUBBLICA
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • Capo III
    IGIENE E SANITA' PUBBLICA
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • Capo IV
    ISTRUZIONE ARTIGIANA E PROFESSIONALE
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • Capo V
    ASSISTENZA SCOLASTICA
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • Capo VI
    MUSEI E BIBLIOTECHE DI ENTI LOCALI
  • 36
  • TITOLO III
    SVILUPPO ECONOMICO

    Capo I
    INDUSTRIA E COMMERCIO
  • 37
  • 38
  • 39
  • 40
  • 41
  • 42
  • 43
  • 44
  • Capo II
    TURISMO, INDUSTRIA ALBERGHIERA
  • 45
  • 46
  • 47
  • Capo III
    ACQUE MINERALI E TERMALI - MINIERE, CAVE E SALINE
  • 48
  • Capo IV
    ARTIGIANATO
  • 49
  • 50
  • Capo V
    AGRICOLTURA E FORESTE
  • 51
  • 52
  • 53
  • 54
  • 55
  • TITOLO IV
    ASSETTO ED UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO

    Capo I
    URBANISTICA
  • 56
  • 57
  • 58
  • Capo II
    TRASPORTI SU LINEE AUTOMOBILISTICHE E TRAMVIARIE
  • 59
  • 60
  • 61
  • 62
  • 63
  • 64
  • 65
  • 66
  • 67
  • Capo III
    LAVORI PUBBLICI DI ESCLUSIVO INTERESSE DELLA REGIONE
  • 68
  • 69
  • 70
  • 71
  • 72
  • TITOLO V
    DISPOSIZIONI FINALI E TRANSITORIE
  • 73
  • 74
  • 75
  • 76
  • 77
  • 78
  • 79
  • 80
  • 81
  • 82
  • 83
  • Allegati
Testo in vigore dal: 24-8-1979
attiva riferimenti normativi
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

  Visto l'art. 87, comma quinto, della Costituzione;
  Vista  la  legge  costituzionale  26  febbraio  1948,  n. 3, che ha
approvato lo statuto speciale della regione autonoma della Sardegna;
  Sentito  il  parere della commissione paritetica prevista dall'art.
56,  primo  comma, della legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3,
nonche'  il  parere  del  Consiglio, regionale della regione autonoma
della Sardegna;
  Sentito il Consiglio dei Ministri;
  Sulla  proposta  del  Presidente  del  Consiglio  dei  Ministri, di
concerto   con   i   Ministri  dell'interno,  del  bilancio  e  della
programmazione economica e del tesoro;

                              Decreta:
                               Art. 1.

  Il  presente  decreto  attua il trasferimento alla regione autonoma
della  Sardegna  delle funzioni amministrative nelle materie indicate
dagli  articoli  3,  4  e  5  dello statuto speciale per la Sardegna,
approvato  con  legge  costituzionale  26 febbraio 1948, n. 3, ancora
esercitate  dagli  organi centrali e periferici dello Stato e da enti
pubblici nazionali, e la delega alla stessa regione dell'esercizio di
altre funzioni amministrative ai sensi dell'art. 6 di detto statuto.
  Negli  articoli  seguenti e' usata per indicare la regione autonoma
della Sardegna la sola parola "regione".