DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 gennaio 1961, n. 153

Norme sul trattamento economico e normativo dei giornalisti.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 02/01/1974)
vigente al 28/05/2022
  • Articoli
  • 1
  • Allegati
Testo in vigore dal: 3-1-1974
aggiornamenti all'articolo
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

  Visto l'art. 87, comma quinto, della Costituzione;
  Vista  la  legge  14  luglio 1950, n. 741, che delega il Governo ad
emanare   norme  transitorie  per  garantire  minimi  di  trattamento
economico e normativo lavoratori;
  Vista  la  legge  1  ottobre  1960, n. 1027, recante modifiche alla
predetta legge 11 luglio 1959, n. 741;
  Visto il contratto collettivo nazionale di lavoro 10 gennaio 1959 e
relativa  tabella,  per  i giornalisti, stipulato tra la, Federazione
italiana  Editori  Giornali  e  la Federazione Nazionale della Stampa
italiana;
  Visti il contratto collettivo nazionale di lavoro per i giornalisti
23  luglio  1917,  l'accordo  25  giugno 1952 per l'adeguamento delle
clausole  economiche  del  contratto  di  lavoro  per  i giornalisti,
l'accordo  15  gennaio  1955 e relativa tabella, per il conglobamento
delle retribuzioni dei giornalisti, allegati al predetto contratto;
  Vista  la  pubblicazione  negli  appositi  Bollettini,  n. 7 del 18
gennaio  1960  e  n.  99  del  16  luglio 1960, dei contratti e degli
accordi  sopra  indicati, depositati presso il Ministero del lavoro e
della previdenza sociale, che ne ha accertato l'autenticita';
  Sentito il Consiglio dei Ministri;
 Sulla proposta del Ministro per il lavoro e la previdenza sociale;

                              Decreta:
                           Articolo unico.

  I  rapporti  di  lavoro costituiti per le attivita' per le quali e'
stato  stipulato  il  contratto  collettivo  nazionale  di  lavoro 10
gennaio  1959  per  i  giornalisti, sono regolati da norme giuridiche
uniformi  alle  clausole del contratti anzidetto, annesso al presente
decreto, nonche' alle clausole dal medesimo richiamate ed allo stesso
allegate, del contratto e degli accordi indicati nel preambolo.
  I  minimi di trattamento economico e normativo cosi' stabiliti sono
inderogabili nei confronti di tutti i giornalisti.((1))

  Il  presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserto
nella  Raccolta  ufficiale delle leggi e dei decreti della Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.

  Dato a Roma, addi' 16 gennaio 1961.

                               GRONCHI

                                                      FANFANI - SULLO

Visto, il Guardasigilli: GONELLA
  Registrato alla Corte dei conti, addi' 16 marzo 1961
  Atti del Governo, registro n. 135, foglio n. 55. - VILLA
------------
AGGIORNAMENTO (1)
  La Corte costituzionale, con sentenza 18 - 27 dicembre 1973, n. 188
(in  G.U.  1a  s.s.  02/01/1974,  n. 2)ha dichiarato l'illegittimita'
costituzionale  dell'articolo  unico  del  d.P.R. 16 gennaio 1961, n.
153:  "Norme  sul trattamento economico e normativo dei giornalisti",
che  rende esecutivo erga omnes il contratto collettivo nazionale per
i  giornalisti  10  gennaio  1959,  limitatamente  all'art. 27, terzo
comma,  di detto contratto, nella parte in cui riduce l'indennita' di
anzianita'   nella  misura  del  cinquanta  per  cento,  in  caso  di
dimissioni,  ai giornalisti che non abbiano superato i cinque anni di
servizio.