DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 21 gennaio 1986, n. 29

Istituzione di una nuova sezione in funzione di corte di assise di appello presso la corte di appello di Bologna.

  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal: 5-3-1986
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

  Vista  la  legge  10  aprile 1951, n. 287, e successive variazioni,
relativa al riordinamento dei giudizi di assise;
  Vista  la  legge  21  febbraio 1984, n. 14, che modifica ed integra
quando disposto dalla legge 10 aprile 1951, n. 287;
  Considerata  l'urgente  necessita',  al  fine  di  fronteggiare  le
accresciute  esigenze  di servizio, di istituire una nuova sezione di
corte di assise di appello presso la corte di appello di Bologna;
  Visto  il  parere favorevole espresso dal Consiglio superiore della
magistratura nella seduta del 18 dicembre 1985;
  Sulla  proposta  del Ministro di grazia e giustizia di concerto col
Ministro del tesoro;

                              Decreta:

  Presso  la  corte  di  appello  di  Bologna  e' istituita una nuova
sezione  in  funzione  di  corte  di  assise  di appello, con sede di
normale convocazione in Bologna.
  La  circoscrizione  territoriale  ed il numero dei giudici popolari
relativi  alla  citata sede sono determinati dalla tabella annessa al
presente  decreto  che  modifica,  per  la parte cui si riferisce, la
tabella  N  annessa  al  decreto  del  Presidente della Repubblica 30
agosto 1951, n. 757, e successive variazioni.

  Il  presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserto
nella  Raccolta  ufficiale delle leggi e dei decreti della Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.

  Dato a Roma, addi' 21 gennaio 1986

                               COSSIGA

                              MARTINAZZOLI,   Ministro  di  grazia  e
                                giustizia
                              GORIA, Ministro del tesoro

Visto, il Guardasigilli: MARTINAZZOLI
  Registrato alla Corte dei conti, addi' 13 febbraio 1986
  Registro n. 6 Giustizia, foglio n. 337