DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 6 giugno 2001, n. 380

Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia. (Testo A)

note: Entrata in vigore del decreto: 1-1-2002.
L'atto e' integrato con le correzioni apportate dall'avviso di rettifica pubblicato in G.U. 13/11/2001, n. 264 durante il periodo di "vacatio legis". E' possibile visualizzare la versione originaria accedendo al pdf della relativa Gazzetta Ufficiale di pubblicazione.
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 14/09/2020)
Testo in vigore dal: 11-6-2020
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                             Art. 4 (L) 
                    Regolamenti edilizi comunali 
              (legge 17 agosto 1942, n. 1150, art. 33) 
 
  1. Il regolamento che i comuni adottano ai sensi  dell'articolo  2,
comma 4, deve contenere la disciplina  delle  modalita'  costruttive,
con   particolare    riguardo    al    rispetto    delle    normative
tecnico-estetiche, igienico-sanitarie,  di  sicurezza  e  vivibilita'
degli immobili e delle pertinenze degli stessi. 
  1-bis. COMMA ABROGATO DAL D.LGS 3 MARZO 2011, N. 28. 
  1-ter. ((COMMA ABROGATO DAL D.LGS. 10 GIUGNO 2020, N. 48)). 
  1-quater.((COMMA ABROGATO DAL D.LGS. 10 GIUGNO 2020, N. 48)). 
  1-quinquies. ((COMMA ABROGATO DAL D.LGS. 10 GIUGNO 2020, N. 48)). 
  1-sexies.  Il  Governo,  le  regioni  e  le  autonomie  locali,  in
attuazione del principio di leale collaborazione, concludono in  sede
di Conferenza unificata accordi ai sensi dell'articolo 9 del  decreto
legislativo 28 agosto 1997, n. 281, o intese ai sensi dell'articolo 8
della legge 5 giugno 2003, n. 131, per l'adozione di  uno  schema  di
regolamento edilizio-tipo, al fine di semplificare  e  uniformare  le
norme e gli adempimenti. Ai sensi dell'articolo 117,  secondo  comma,
lettere e) e  m),  della  Costituzione,  tali  accordi  costituiscono
livello essenziale delle prestazioni,  concernenti  la  tutela  della
concorrenza e i diritti civili e sociali che devono essere  garantiti
su tutto il territorio nazionale. Il regolamento  edilizio-tipo,  che
indica i  requisiti  prestazionali  degli  edifici,  con  particolare
riguardo alla sicurezza e al risparmio energetico,  e'  adottato  dai
comuni nei termini fissati dai suddetti  accordi,  comunque  entro  i
termini previsti dall'articolo 2 della legge 7 agosto 1990, n. 241, e
successive modificazioni. 
  2. Nel caso in cui  il  comune  intenda  istituire  la  commissione
edilizia,  il  regolamento  indica  gli  interventi   sottoposti   al
preventivo parere di tale organo consultivo.