DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 23 maggio 2001, n. 316

Recepimento dell'accordo per il personale della carriera prefettizia relativo al biennio 2000/2001 per gli aspetti normativi e retributivi.

note: Entrata in vigore del decreto: 19-8-2001 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 11/07/2011)
Testo in vigore dal: 26-7-2011
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 20 
Fondo per la retribuzione di posizione e la retribuzione di risultato 
 
  1. A  decorrere  dall'anno  2001  e'  istituito  il  fondo  per  la
retribuzione di posizione e la  retribuzione  di  risultato,  al  cui
finanziamento si provvede mediante utilizzo  delle  seguenti  risorse
finanziarie: 
a) risorse  relative  alla  erogazione  dei   compensi   per   lavoro
   straordinario  nell'ammontare   utilizzato   nell'anno   2000   ad
   esclusione di quelle derivanti dall'assegnazione per consultazioni
   elettorali, referendarie ed eventi calamitosi; 
b) risparmi di gestione  riferiti  alla  spesa  del  personale  della
   carriera prefettizia, escluse le quote che disposizioni  di  legge
   riservano a risparmio del fabbisogno complessivo; 
c) somme derivanti dall'attuazione dell'articolo 43  della  legge  27
   dicembre 1997, n. 449; 
d) somme derivanti da  disposizioni  di  leggi,  regolamenti  o  atti
   amministrativi,  che  comportano  incrementi  retributivi  per  il
   personale della carriera prefettizia ad esclusione della  speciale
   indennita' prevista dall'articolo  5,  comma  3,  della  legge  1o
   aprile 1981, n. 121, e dell'indennita'  di  cui  all'articolo  43,
   comma 20, della stessa legge; 
e) a decorrere dal 1o luglio 2001 quota parte delle  somme  assegnate
   in occasione delle consultazioni elettorali  per  fronteggiare  le
   maggiori attivita' rese dal personale della carriera prefettizia; 
   tale quota va determinata in occasione di ogni  consultazione  con
   decreto  del  Ministro  del   tesoro,   del   bilancio   e   della
   programmazione economica su proposta del Ministro dell'interno; 
f) a decorrere dal 1o luglio 2001 quota parte delle somme assegnate a
   seguito  di  eventi  calamitosi  e  situazioni  di  emergenza  per
   fronteggiare  le  maggiori  attivita'  rese  dal  personale  della
   carriera prefettizia; tale quota dovra' essere determinata in sede
   di ordinanza adottata dalla competente autorita'; 
g) retribuzione  individuale  di  anzianita'  del   personale   della
   carriera  prefettizia  cessato  dal  servizio  con  le   modalita'
   indicate nell'articolo 19; 
h) i  compensi  derivanti  dall'espletamento  di  tutte  le  funzioni
   riconducibili ai compiti e  ai  doveri  d'ufficio,  attribuite  al
   personale della carriera prefettizia in relazione  alla  qualifica
   di appartenenza, a decorrere dalla data di entrata in  vigore  del
   presente decreto; 
i) un importo pari a L. 761.000 lorde mensili pro-capite per  tredici
   mensilita', alla cui copertura si provvede  con  l'utilizzo  delle
   risorse previste per la categoria dall'articolo 50 della legge  23
   dicembre 2000, n. 388. 
  2. Le risorse di cui alla lettera i) del comma 1  sono  determinate
con riferimento al personale della carriera prefettizia  in  servizio
alla data del 31 dicembre 1999. 
  3. Dal 1° gennaio al 30 giugno 2001 sono confermati gli importi  di
retribuzione  accessoria  corrisposti  anteriormente  all'entrata  in
vigore del presente decreto. In tale periodo i  compensi  per  lavoro
straordinario  di  cui  al  comma  1,  lettera  a),  possono   essere
corrisposti nel limite complessivo del 50 per cento della spesa  agli
stessi scopi destinata nell'anno 2000. Dal 1o luglio 2001 sono  poste
a carico del  fondo  le  somme  relative  alla  corresponsione  delle
pregresse componenti  di  salario  accessorio  spettanti  durante  il
semestre  precedente,   inclusi   anche   i   compensi   per   lavoro
straordinario di cui al comma 1, lettera a). 
  4. Nell'ambito del fondo di cui al comma 1, una quota,  di  regola,
pari al venti  per  cento  viene  destinata  al  finanziamento  della
retribuzione di risultato, ad  eccezione  delle  somme  di  cui  alle
lettere e) ed f) che vanno ripartite, mediante decreto  del  Ministro
dell'interno, tra  il  personale  impegnato,  rispettivamente,  nelle
operazioni elettorali e di protezione civile. 
  5. Le risorse del  fondo  di  cui  al  comma  1  eventualmente  non
utilizzate alla  fine  dell'esercizio  finanziario  sono  riassegnate
all'anno successivo. 
                                                    (1) (2) (3) ((4)) 
 
------------- 
AGGIORNAMENTO (1) 
  Il D.P.R. 1 agosto 2003, n. 252 ha disposto (con l'art.  15,  comma
1) che "il fondo per la retribuzione di posizione e  la  retribuzione
di risultato di cui al  presente  articolo  20,  continua  ad  essere
definito con  le  modalita'  ivi  indicate  ed  e'  alimentato  dalle
seguenti ulteriori risorse finanziarie: 
    a) Euro 139,63 pro capite per tredici mensilita' per l'anno 2002; 
    b) Euro 249,70 pro  capite  per  tredici  mensilita'  per  l'anno
2003". 
------------- 
AGGIORNAMENTO (2) 
  Il D.P.R. 28 novembre 2005, n. 293 ha disposto (con l'art. 5, comma
1) che "Il fondo per la retribuzione di posizione e di  risultato  di
cui all'articolo 20 del decreto del Presidente  della  Repubblica  23
maggio 2001, n. 316, ferme  restando  le  modifiche  ed  integrazioni
previste dall'articolo 15 del decreto del Presidente della Repubblica
1° agosto 2003, n. 252, continua ad essere definito con le  modalita'
ivi indicate  ed  e'  alimentato  dalle  seguenti  ulteriori  risorse
finanziarie: 
    a) Euro 60,22 lordi mensili pro capite dal 1° gennaio 2004 al  31
dicembre 2004 per tredici mensilita'; 
    b) Euro 167,58 lordi mensili pro capite dal 1° gennaio 2005 al 30
aprile 2005 per quattro mensilita'; 
    c) Euro 177,22 lordi mensili pro capite dal 1° maggio 2005 al  31
dicembre 2005 per nove mensilita'." 
------------- 
AGGIORNAMENTO (3) 
  Il D.P.R. 4 aprile 2008, n. 105 ha disposto (con l'art.  21,  comma
1) che "Il fondo per la retribuzione di posizione e  la  retribuzione
di risultato di cui all'articolo 20 del decreto del Presidente  della
Repubblica 23 maggio 2001, n. 316, ferme  restando  le  modifiche  ed
integrazioni successivamente intervenute, continua ad essere definito
con le  modalita'  ivi  indicate  ed  e'  alimentato  dalle  seguenti
ulteriori risorse finanziarie: 
    a) Euro 4,72 lordi mensili pro capite dal 1° gennaio 2006  al  31
dicembre 2006 per tredici mensilita'; 
    b) Euro 51,43 lordi mensili pro capite dal 1° gennaio 2007 al  30
dicembre 2007 per tredici mensilita'; 
    c) Euro 55,91 lordi mensili pro capite dal 31 dicembre  2007  per
tredici mensilita'". 
------------- 
AGGIORNAMENTO (4) 
  Il D.P.R. 23 maggio 2011, n. 105 ha disposto (con l'art.  4,  comma
1) che "Il fondo per la retribuzione di posizione e  la  retribuzione
di risultato di cui all'articolo 20 del decreto del Presidente  della
Repubblica 23 maggio 2001, n. 316, ferme  restando  le  modifiche  ed
integrazioni successivamente intervenute, continua ad essere definito
con le  modalita'  ivi  indicate  ed  e'  alimentato  dalle  seguenti
ulteriori risorse finanziarie: 
  € 38,66 lordi mensili pro capite dal 1° gennaio  2009  per  tredici
mensilita'".