DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 3 novembre 2000, n. 396

Regolamento per la revisione e la semplificazione dell'ordinamento dello stato civile, a norma dell'articolo 2, comma 12, della legge 15 maggio 1997, n. 127.

note: Entrata in vigore del decreto: 30-3-2001.
L'atto e' integrato con le correzioni apportate dall'avviso di rettifica pubblicato in G.U. 20/02/2001, n. 42 durante il periodo di "vacatio legis". E' possibile visualizzare la versione originaria accedendo al pdf della relativa Gazzetta Ufficiale di pubblicazione.
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 01/02/2018)
Testo in vigore dal: 30-3-2001
                               Art. 71
                     (Iscrizioni e trascrizioni)

   1. Negli archivi di cui all'articolo 10, si iscrivono:

a) le   dichiarazioni   di   morte   che   sono   fatte  direttamente
   all'ufficiale dello stato civile;
b) gli  atti  di  morte  che  l'ufficiale dello stato civile forma in
   seguito  ad  avviso, notizia e denuncia avuti da ospedali, da case
   di  cura o di riposo, da collegi, da istituti o da qualsiasi altro
   stabilimento, da magistrati o da ufficiali di polizia giudiziaria;
c) gli atti di morte ai quali, per la particolarita' del caso, non si
   adattano le formule predisposte;
d) gli atti formati ai sensi degli articoli 75 e 78.

   2. Nei medesimi archivi si trascrivono:

a) gli atti di morte ricevuti dall'estero;
b) gli atti e i processi verbali relativi a morti avvenute durante un
   viaggio marittimo, aereo o ferroviario;
c) gli  atti di morte, compilati dagli ufficiali designati nelle zone
   di operazioni eseguite come forze di pace o di guerra.