DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 8 settembre 1997, n. 357

Regolamento recante attuazione della direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat natuali e seminaturali, nonche' della flora e della fauna selvatiche.

note: Entrata in vigore del decreto: 24-10-1997 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 05/09/2019)
Testo in vigore dal: 14-6-2003
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 3
                   Zone speciali di conservazione

  1.  Le  regioni  e  le  provincie  autonome  di Trento e di Bolzano
individuano,  ((  i  siti  in cui si trovano tipi di habitat elencati
nell'allegato A ed habitat di specie di cui all'allegato B e ne danno
comunicazione   al   Ministero   dell'ambiente  e  della  tutela  del
territorio  ai  fini  della formulazione alla Commissione europea, da
parte  dello  stesso  Ministero,  dell'elenco  dei  proposti  siti di
importanza  comunitaria  (pSic)  per  la  costituzione  della )) rete
ecologica   europea   coerente  di  zone  speciali  di  conservazione
denominata "Natura 2000".
  2.  Il  Ministro dell'ambiente (( e della tutela del territorio )),
((  designa,  con  proprio  decreto,  adottato  d'intesa con ciascuna
regione  interessata )) i siti di cui al comma 1 quali "Zone speciali
di  conservazione",  entro  il  termine  massimo  di  sei anni, dalla
definizione, da parte della Commissione europea dell'elenco dei siti.
  3.  Al  fine di assicurare la coerenza ecologica della rete "Natura
2000",  ((  il  Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio
)),  d'intesa  con  la  Conferenza  permanente  per i rapporti tra lo
Stato,  le  regioni  e  le provincie autonome di Trento e di Bolzano,
definisce  ((  ,  anche  finalizzandole alla redazione )) delle linee
fondamentali  di  assetto del territorio, di cui all'articolo 3 della
legge 6 dicembre 1991 n. 394, le direttive per la gestione delle aree
di   collegamento   ecologico   funzionale,  che  rivestono  primaria
importanza per la fauna e la flora selvatiche.
  4.  Il  Ministro  dell'ambiente (( e della tutela del territorio ))
trasmette  alla Commissione europea, contestualmente alla proposta di
cui  al  comma  1  e  su  indicazione delle regioni e delle provincie
autonome  di  Trento  e  di  Bolzano, le stime per il cofinanziamento
comunitario  necessario  per l'attuazione dei piani di gestione delle
zone  speciali  di conservazione e delle misure necessarie ad evitare
il  degrado  degli  habitat  naturali  e degli habitat di specie, con
particolare  attenzione  per quelli prioritari, e le eventuali misure
di ripristino (( da attuare. ))
  ((  4-bis.  Al  fine  di  garantire  la funzionale attuazione della
direttiva  92/43/CEE  e  l'aggiornamento dei dati, anche in relazione
alle   modifiche  degli  allegati  previste  dall'articolo  19  della
direttiva  medesima, le regioni e le province autonome di Trento e di
Bolzano,  sulla base delle azioni di monitoraggio di cui all'articolo
7,  effettuano una valutazione periodica dell'idoneita' dei siti alla
attuazione  degli  obiettivi  della  direttiva  in seguito alla quale
possono  proporre  al  Ministero  dell'ambiente  e  della  tutela del
territorio un aggiornamento dell'elenco degli stessi siti, della loro
delimitazione  e  dei contenuti della relativa scheda informativa. Il
Ministero  dell'ambiente e della tutela del territorio trasmette tale
proposta   alla   Commissione  europea  per  la  valutazione  di  cui
all'articolo 9 della citata direttiva. ))