DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 17 settembre 1987, n. 494

Norme risultanti dagli accordi contrattuali definiti con le organizzazioni sindacali per il triennio 1985-87 relativi al personale dei Ministeri, degli enti pubblici non economici, degli enti locali, delle aziende e delle amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo, del Servizio sanitario nazionale e della scuola.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 24/06/1988)
  • Articoli
  • COMPARTO DI CUI ALL'ART. 2 DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA
    REPUBBLICA 5 MARZO 1986, N. 68 (PERSONALE DIPENDENTE DAI MINISTERI)
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • COMPARTO DI CUI ALL'ART. 3 DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA
    REPUBBLICA 5 MARZO 1986, N. 68 (PERSONALE DEGLI ENTI PUBBLICI NON
    ECONOMICI)
  • 16
  • 17
  • orig.
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • COMPARTO DI CUI ALL'ART. 4 DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA
    REPUBBLICA 5 MARZO 1986, N. 68 (PERSONALE DEGLI ENTI LOCALI)
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • 36
  • 37
  • 38
  • 39
  • COMPARTO DI CUI ALL'ART. 6 DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA
    REPUBBLICA 5 MARZO 1986, N. 68 (PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO
    NAZIONALE)
  • 40
  • 41
  • 42
  • 43
  • 44
  • 45
  • 46
  • 47
  • 48
  • 49
  • 50
  • 51
  • COMPARTO DI CUI ALL'ART. 5 DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA
    REPUBBLICA 5 MARZO 1986, N. 68 (PERSONALE DELLE AZIENDE E DELLE
    AMMINISTRAZIONI DELLO STATO AD ORDINAMENTO AUTONOMO)
  • 52
  • 53
  • 54
  • 55
  • 56
  • 57
  • 58
  • 59
  • 60
  • 61
  • 62
  • COMPARTO DI CUI ALL'ART. 8 DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA
    REPUBBLICA 5 MARZO 1986, N. 68 (PERSONALE DELLA SCUOLA)
  • 63
  • 64
  • 65
  • 66
  • 67
  • 68
  • 69
  • NORME FINALI
  • 70
  • 71
Testo in vigore dal: 8-12-1987
                              Art. 15.

  1. Dopo l'art. 53 e' inserito il seguente articolo:
  "Art.   54  (Conglobamento  di  quota  dell'indennita'  integrativa
speciale).  -  1. Con decorrenza dal 30 giugno 1988 verra' conglobata
nello  stipendio  iniziale  del livello in godimento alla stessa data
una  quota  di  indennita'  integrativa  speciale pari a L. 1.081.000
annue lorde.
  2. Con la medesima decorrenza la misura dell'indennita' integrativa
speciale  spettante  al  personale  in  servizio  e'  ridotta  di  L.
1.081.000 annue lorde.
  3.  Nei confronti del personale cessato dal servizio con decorrenza
successiva  al  30 giugno 1988, la misura dell'indennita' integrativa
speciale  spettante, ai sensi dell'art. 2 della legge 27 maggio 1959,
n.  324,  e  successive modificazioni ed integrazioni, ai titolari di
pensione  diretta,  e'  ridotta  a  cura  della  competente Direzione
provinciale  del  tesoro,  dell'importo lordo mensile di lire 72.067.
Detto  importo,  nel caso in cui l'indennita' integrativa speciale e'
sospesa  o non spetta, e' portato in detrazione della pensione dovuta
all'interessato.
  4.  Ai  titolari  di  pensione  di  riversibilita' aventi causa del
personale collocato in quiescenza successivamente al 30 giugno 1988 o
deceduto  in  attivita' di servizio a decorrere dalla stessa data, la
riduzione  dell'importo  lordo  mensile  di  L.  72.067 va operata in
proporzione dell'aliquota di riversibilita' della pensione spettante,
osservando  le  stesse modalita' di cui al comma 3. Se la pensione di
riversibilita'   e'  attribuita  a  piu'  compartecipi,  la  predetta
riduzione va effettuata in proporzione alla quota assegnata a ciascun
compartecipe".
          Nota all'art. 15:
            L'art.   2   della   legge   n.   324/1959,   concernente
          "Miglioramenti  economici al personale statale in attivita'
          ed   in   quiescenza",   reca  norme  sulla  corresponsione
          dell'indennita'   integrativa   speciale   ai  titolari  di
          pensioni  ordinarie  o di assegni vitalizi, sia normali che
          privilegiati,  a  carico  dello  Stato  e di taluni fondi e
          enti.