DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 26 aprile 1986, n. 131

Approvazione del testo unico delle disposizioni concernenti l'imposta di registro.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 08/06/2022)
Testo in vigore dal: 10-12-2000
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 26. 
 
                     Presunzione di liberalita` 
  1. I trasferimenti  immobiliari,  escluse  le  permute  aventi  per
oggetto  immobili  ma  fino  a  concorrenza  del  minore  dei  valori
permutati ((, ed i trasferimenti di partecipazioni sociali, quando il
valore della partecipazione o la differenza tra valore e prezzo siano
superiori all'importo di 350 milioni di lire )), posti in essere  tra
coniugi  ovvero  tra  parenti  in  linea  retta  o  che  tali   siano
considerati ai fini dell'imposta sulle  successioni  e  donazioni  si
presumono donazioni ((...)) se l'ammontare  complessivo  dell'imposta
di registro e di ogni altra  imposta  dovuta  per  il  trasferimento,
anche  se  richiesta  successivamente  alla  registrazione,   risulta
inferiore a quello delle imposte applicabili in caso di trasferimento
a titolo gratuito, al netto delle detrazioni spettanti. (25) 
  2. Le parti contraenti devono  dichiarare  contestualmente  se  fra
loro sussista o meno un rapporto di coniugio o di parentela in  linea
retta o che sia considerato tale ai sensi del comma 1. In mancanza di
tale dichiarazione il trasferimento si considera  a  titolo  gratuito
ove  al  momento   della   registrazione   non   risulti   comprovata
l'inesistenza del rapporto; tuttavia l'inesistenza  del  rapporto  di
coniugio o di parentela in linea retta puo` essere provata  entro  un
anno dalla stipulazione dell'atto e in tale caso spetta  il  rimborso
della maggiore imposta pagata. 
  3. La presunzione non opera per i conguagli  pattuiti  in  sede  di
divisione e nelle vendite ai pubblici incanti. 
  4. La presunzione di liberalita`, se ricorre la condizione  di  cui
al comma 1, vale anche per i provvedimenti che  accertano  l'acquisto
per usucapione della proprieta` di immobili o  di  diritti  reali  di
godimento sugli stessi da parte del coniuge o di un parente in  linea
retta dal precedente proprietario o  titolare  di  diritto  reale  di
godimento. 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (25) 
  La Corte Costituzionale con sentenza del 22-25 febbraio 1999 n.  41
(in s.s. relativa  alla  G.U.  n.  9  del  03.03.1999)  ha  dichirato
"l'illegittimita'  costituzionale  dell'art.  26,  comma  primo,  del
D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131 (Approvazione  del  testo  unico  delle
disposizioni concernenti l'imposta di registro), nella parte  in  cui
esclude la prova contraria  diretta  a  superare  la  presunzione  di
liberalita' dei trasferimenti immobiliari".