DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 11 luglio 1980, n. 382

Riordinamento della docenza universitaria, relativa fascia di formazione nonche' sperimentazione organizzativa e didattica.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 08/03/2012)
Testo in vigore dal: 11-12-1985
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 91. 
                  Collaborazione interuniversitaria 
 
  Per le finalita' di cui ai precedenti  articoli  89  e  90  possono
essere altresi' costituiti, tramite convenzioni  tra  le  Universita'
interessate, centri di ricerca o centri di servizi interuniversitari,
rispettivamente quali strumenti  di  collaborazione  scientifica  tra
docenti di Universita' diverse o quali sedi  di  servizi  scientifici
utilizzati da piu' Universita'. 
  In particolare, i centri possono collegare Universita' della stessa
citta', della stessa regione o di regioni finitime, ovvero costituire
sede  di  cooperazioni  scientifiche  nazionali  anche  ai  fini  dei
progetti di ricerca finanziati con il 40 per cento dello stanziamento
di cui al primo comma dell'art. 65. 
  Le norme relative al funzionamento ed alla gestione dei centri sono
determinate in analogia con quanto previsto nei  precedenti  articoli
nella convenzione di  cui  al  primo  comma.  Ogni  Universita'  puo'
disporre la assegnazione presso i centri di personale docente per non
oltre tre anni in un decennio, sentite le facolta' interessate, e  di
personale amministrativo, tecnico, operaio ed ausiliario sentita,  la
commissione di cui all'articolo 5 della legge  25  ottobre  1977,  n.
808. 
  ((Sono  consentite   convenzioni   tra   universita'   italiane   e
universita' di Paesi stranieri per attivita' didattiche  scientifiche
integrate e per programmi integrati di studio degli studenti, nonche'
per  esperienze   nell'uso   di   apparati   tecnico-scientifici   di
particolare complessita'. 
  Le convenzioni di cui al precedente comma, deliberate dal consiglio
di  amministrazione  dell'ateneo  su  parere  conforme   del   senato
accademico, sono autorizzate dal Ministro della pubblica  istruzione,
con proprio decreto, sulla base  di  criteri  definiti  con  apposito
decreto emanato dallo stesso Ministro della pubblica  istruzione,  di
concerto con il Ministro degli  affari  esteri  ed  il  Ministro  del
tesoro. Il decreto di autorizzazione  indichera'  altresi'  l'entita'
del relativo finanziamento posto a carico dell'ordinario stanziamento
di bilancio all'uopo iscritto in apposito  capitolo  dello  stato  di
previsione della spesa del Ministero della pubblica istruzione. 
  Sono  a  carico  dell'universita'  di  appartenenza  le   spese   e
l'organizzazione per la partecipazione di professori universitari  in
rappresentanza delle universita' italiane in organismi internazionali
che perseguono le  finalita'  di  cui  al  precedente  quarto  comma,
secondo modalita' da stabilire con apposito decreto presidenziale. 
  I consorzi interuniversitari costituiti tra le universita' italiane
per  il  perseguimento  di  finalita'   istituzionali   comuni   alle
universita' consorziate sono finanziati in via ordinaria con fondi da
pertinenza di ciascuna universita' interessata, con le  modalita'  di
erogazione, alle quali il  Ministero  della  pubblica  istruzione  si
attiene,  stabilite  nelle  convenzioni  stipulate  tra   le   stesse
universita')).