DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 2 ottobre 1978, n. 714

Riordinamento dell'Ente autonomo del porto di Trieste, ai sensi dell'art. 3 della legge 14 marzo 1977, n. 73.

Testo in vigore dal: 5-12-1978
                               Art. 3.

  Per  l'assolvimento dei compiti previsti dalla legge 9 luglio 1967,
n.  589,  e successive modificazioni, nonche' di quelli stabiliti dal
presente  decreto,  all'Ente  autonomo  del  porto  di  Trieste viene
assegnato  un fondo di dotazione di lire 15.000 milioni da iscriversi
allo  stato  di  previsione  del Ministero della marina mercantile in
ragione  di  lire  4.500 milioni nell'anno 1979 e lire 10.500 milioni
nell'anno 1980.
  Il  Ministero  della  marina  mercantile  e'  autorizzato a versare
direttamente alla regione, a valere sulle somme iscritte ai sensi del
precedente  comma,  le  quote  di  tali  somme  che  la regione abbia
ritenuto,  per  motivi di particolare rilievo, di anticipare all'Ente
autonomo del porto di Trieste.
  All'onere  previsto dal precedente primo comma si provvede a carico
delle  autorizzazioni di spesa di cui all'art. 8 della legge 14 marzo
1977, n. 73.
  Il  Ministro  del  tesoro  e'  autorizzato ad apportare, coi propri
decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.