DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 29 settembre 1973, n. 597

Istituzione e disciplina dell'imposta sul reddito delle persone fisiche.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 14/03/1988)
Testo in vigore dal: 1-1-1974
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 82. 
                     Abolizione di altri tributi 
 
Con decorrenza dal 1° gennaio 1974 sono aboliti: 
 
a) le  imposte  sul  reddito  dominicale  dei  terreni,  sul  reddito
agrario, sul reddito  dei  fabbricati  e  sui  redditi  di  ricchezza
mobile, l'imposta speciale sul reddito dei fabbricati  di  lusso,  le
relative sovrimposte erariali e locali; 
 
b)  l'imposta  complementare  progressiva  sul  reddito  complessivo,
l'imposta sulle societa' e l'imposta sulle obbligazioni; 
 
c) l'imposta comunale sulle industrie,  i  commerci,  le  arti  e  le
professioni e la relativa addizionale provinciale; 
 
d) le imposte comunali di famiglia, di patente, sul valore locativo e
il contributo per la manutenzione delle opere di fognatura; 
 
e) il contributo speciale di  cura,  le  contribuzioni  speciali  sui
pubblici spettacoli e la tassa di musica applicati nelle stazioni  di
cura, soggiorno o turismo; 
 
f) le imposte camerali previste dall'art. 52, lettere  c)  e  d)  del
regio decreto 20 settembre 1934, n. 2011; 
 
g) le addizionali erariali e locali agli indicati tributi. 
 
Con la stessa decorrenza sono abrogate le  disposizioni  relative  ai
tributi indicati nel precedente comma e ogni altra disposizione,  non
compatibili con quelle del presente decreto.((1)) 
 
-------------- 
AGGIORNAMENTO (1) 
  Il D.P.R. 29 settembre 1973, n. 598, ha disposto  (con  l'art.  26)
che "Con effetto dal 1 gennaio 1974 sono aboliti i  tributi  indicati
nell'art. 82 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre
1973, n. 597, e sono abrogate le  disposizioni  relative  ai  tributi
stessi e ogni altra disposizione,  non  compatibili  con  quelle  del
presente decreto."