DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 29 settembre 1973, n. 600

Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 20/05/2022)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 1-1-1974
                              Art. 59.
          Domicilio fiscale stabilito dall'amministrazione

  L'amministrazione  finanziaria  puo' stabilire il domicilio fiscale
del  soggetto,  in deroga alle disposizioni dell'articolo precedente,
nel  comune  dove  il  soggetto stesso svolge in modo continuativo la
principale  attivita'  ovvero,  per  i soggetti diversi dalle persone
fisiche, nel comune in cui e' stabilita la sede amministrativa.
  Quando   concorrono   particolari   circostanze,  l'amministrazione
finanziaria  puo'  consentire al contribuente, che ne faccia motivata
istanza,  che  il  suo  domicilio  fiscale sia stabilito in un comune
diverso da quello previsto dall'articolo precedente.
  Competente  all'esercizio  delle  facolta'  indicate nei precedenti
commi  e'  l'intendente  di  finanza  o  il Ministro per le finanze a
seconda  che,  il  provvedimento importi lo spostamento del domicilio
fiscale nell'ambito della stessa provincia o in altra provincia.
  Il provvedimento e' in ogni caso definitivo, deve essere motivato e
notificato  all'interessato  ed  ha  effetto  dal  periodo  d'imposta
successivo a quello in cui e' stato notificato.