DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 26 ottobre 1972, n. 633

Istituzione e disciplina dell'imposta sul valore aggiunto.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 28/02/2022)
Testo in vigore dal: 23-2-2003
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 5.
                   Esercizio di arti e professioni

  Per  esercizio  di  arti  e  professioni si intende l'esercizio per
professione abituale, ancorche' non esclusiva, di qualsiasi attivita'
di  lavoro  autonomo  da  parte di persone fisiche ovvero da parte di
societa'  semplici  o  di  associazioni  senza personalita' giuridica
costituite  tra  persone  fisiche  per l'esercizio in forma associata
delle attivita' stesse.
  Non  si considerano effettuate nell'esercizio di arti e professioni
le  prestazioni  di  servizi  inerenti  ai rapporti di collaborazione
coordinata  e  continuativa  di  cui  all'art.  49  del  decreto  del
Presidente  della  Repubblica 29 settembre 1973, n. 597, ((nonche' le
prestazioni  di  lavoro  effettuate  dagli  associati nell'ambito dei
contratti  di  associazione in partecipazione di cui all'articolo 49,
comma  2,  lettera  c), del testo unico delle imposte sui redditi, di
cui  al  decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n.
917,))  rese  da soggetti che non esercitano per professione abituale
altre  attivita'  di  lavoro  autonomo.  Non  si considerano altresi'
effettuate  nell'esercizio  di  arti  e professioni le prestazioni di
servizi  derivanti  dall'attivita'  di levata dei protesti esercitata
dai  segretari  comunali ai sensi della legge 12 giugno 1973, n. 349,
nonche'  le  prestazioni  di  vigilanza  e  custodia  rese da guardie
giurate  di  cui  al  regio decreto-legge 26 settembre 1935, n. 1952.
(20) (41) (57a)
-------------
AGGIORNAMENTO (20)
  Il  D.P.R. 29 gennaio 1979, n. 24 ha disposto (con l'art. 3) che le
modifiche  apportate  apportate  agli  articoli  5,  34, per la parte
concernente  il  limite  del  volume  d'affari delle imprese agricole
minori, e 36 dello stesso decreto hanno effetto dal 1 gennaio 1980.
-------------
AGGIORNAMENTO (41)
  Il  D.L.  14 marzo 1988, n.70 convertito con modificazioni dalla L.
13  maggio  1988,  n. 154 ha disposto (con l'art. 4, comma 3) che "Le
disposizioni  di  cui  ai  precedenti  commi  hanno  effetto, ai fini
dell'imposta  sul  valore  aggiunto,  dal  1 gennaio 1973, e, ai fini
delle   imposte   sui   redditi,  dal  periodo  di  imposta  iniziato
successivamente al 31 dicembre 1987."
-------------
AGGIORNAMENTO (57a)
  Il  D.L. 30 dicembre 1993, n.557 convertito con modificazioni dalla
L. 26 febbraio 1994, n.133 ha disposto (con l'art. 2 comma 3) che "Le
disposizioni  del  comma 1, lettera c), numeri 1) e 2), si applicano,
rispettivamente, ai beni ammortizzabili che entrano in funzione dal 1
gennaio  1994  e  alle  rettifiche  relative  ai  beni ammortizzabili
acquisiti  dalla  predetta data. Le disposizioni del comma 1, lettere
a), b), e d), si applicano dal 1 gennaio 1994."