DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 26 ottobre 1972, n. 642

Disciplina dell'imposta di bollo.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 31/12/2018)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 1-1-2019
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                            Art. 15-bis. 
(Versamento  dell'acconto  sull'imposta  di  bollo  assolta  in  modo
                             virtuale). 
 
  1. Poste italiane s.p.a., le banche e gli  altri  enti  e  societa'
finanziari  indicati  nell'articolo  1  del  decreto  legislativo  27
gennaio 1992, n. 87, nonche' le imprese di assicurazioni, entro il 16
aprile di ogni anno, versano, a titolo di acconto, una somma pari  al
settanta per cento dell'imposta provvisoriamente liquidata  ai  sensi
dell'articolo 15; per esigenze di liquidita'  l'acconto  puo'  essere
scomputato dai versamenti da effettuare a partire dal successivo mese
di febbraio. (61) ((77)) 
 
-------------- 
AGGIORNAMENTO (61) 
  Il D.L. 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni  dalla
L. 6 agosto 2008, n. 133, ha disposto (con l'art. 82,  comma  9)  che
"La percentuale  della  somma  da  versare,  nei  termini  e  con  le
modalita' previsti dall'articolo 15-bis del  decreto  del  Presidente
della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, e' elevata al 75 per  cento
per l'anno 2008, all'85 per cento per il 2009 e al 95 per  cento  per
gli anni successivi". 
-------------- 
AGGIORNAMENTO (77) 
  Il D.L. 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni  dalla
L. 6 agosto 2008, n. 133, come modificato dalla L. 30 dicembre  2018,
n. 145, ha disposto (con l'art. 82,  comma  9)  che  "La  percentuale
della somma da versare, nei  termini  e  con  le  modalita'  previsti
dall'articolo 15-bis del decreto del Presidente della  Repubblica  26
ottobre 1972, n. 642, e' elevata al 75 per  cento  per  l'anno  2008,
all'85 per cento per il 2009, al 95 per cento per gli anni  dal  2010
al 2020 e al 100 per cento per gli anni successivi".