DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 26 ottobre 1972, n. 633

Istituzione e disciplina dell'imposta sul valore aggiunto.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 15/07/2022)
Testo in vigore dal: 28-11-2015
aggiornamenti all'articolo
                                Art. 40. 
                           Ufficio competente 
 
  Competente a ricevere le dichiarazioni e i  versamenti  di  cui  ai
precedenti articoli, e ad ogni  altro  effetto  di  cui  al  presente
decreto, e' l'ufficio provinciale dell'imposta  sul  valore  aggiunto
nella  cui  circoscrizione  si  trova  il   domicilio   fiscale   del
contribuente ai  sensi  degli  articoli  58  e  59  del  decreto  del
Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600. Per i soggetti
non  residenti  nello  Stato,  che   non   vi   hanno   una   stabile
organizzazione ne' un rappresentante nominato ai sensi dell'art.  17,
e' competente l'ufficio provinciale di Roma. 
  Per i soggetti non residenti di cui all'articolo 35-ter,  l'ufficio
competente  ai  sensi  del  presente  articolo  e'  individuato   con
provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate. 
  Le dichiarazioni presentate e i versamenti fatti ad ufficio diverso
da quello indicato nel primo comma si considerano presentate o  fatti
nei giorni in cui siano pervenuti all'ufficio competente. 
                                                         (20) ((169)) 
 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (20) 
  Il D.P.R. 29 gennaio 1979, n. 24 ha disposto (con l'art. 3) che  le
modifiche al presente articolo hanno effetto dal 1 aprile 1979. 
--------------- 
AGGIORNAMENTO (169) 
  Il D.L. 28 giugno 1990, n. 167, convertito con modificazioni  dalla
L. 4 agosto 1990, n. 227, come modificato dal D.L. 30 settembre 2015,
n. 153, convertito con modificazioni dalla L. 20  novembre  2015,  n.
187, ha disposto (con  l'art.  5-quater,  comma  5)  che  "In  deroga
all'articolo 31  del  decreto  del  Presidente  della  Repubblica  29
settembre 1973, n. 600, e all'articolo 40 del decreto del  Presidente
della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, la competenza alla gestione
delle istanze presentate, per la prima  volta,  a  decorrere  dal  10
novembre 2015 e all'emissione dei relativi atti, compresi  quelli  di
accertamento e  di  contestazione  delle  violazioni,  per  tutte  le
annualita' oggetto della procedura di collaborazione  volontaria,  e'
attribuita all'articolazione dell'Agenzia delle  entrate  individuata
con provvedimento del direttore  dell'Agenzia  medesima,  da  emanare
entro la data di entrata in vigore della presente disposizione".