DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 1971, n. 321

Attuazione della decisione del Consiglio dei Ministri delle Comunita' europee relativa alla sostituzione dei contributi finanziari degli Stati membri con risorse proprie delle Comunita', adottata a Lussemburgo il 21 aprile 1970, e dei regolamenti comunitari relativi al finanziamento della politica agricola comune, in applicazione dell'art. 3 della legge 23 dicembre 1970, n. 1185.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 31/01/1975)
Testo in vigore dal: 20-1-1973
aggiornamenti all'articolo
                               Art. 2.

  Le  amministrazioni e gli organismi abilitati a pagare le spese per
restituzioni ed interventi di mercato, di cui agli articoli 2 e 3 del
Regolamento  delle  Comunita'  europee n. 729/70 del 21 aprile 1970 e
successive  norme  comunitarie  regolamentari  e applicative, restano
individuati come appresso:
    a)   Ministero   delle   finanze   -  per  le  restituzioni  alla
esportazione  ed alla produzione, per le sovvenzioni all'importazione
di  alcuni  prodotti  oggetto  della politica agricola comune e per i
premi alla denaturazione di prodotti agricoli;
    ((b)  Azienda  di  Stato  per gli interventi nel mercato agricolo
(A.I.M.A.)  -  per le operazioni previste nelle norme che ne regolano
l'attivita' e per gli aiuti alimentari;
    c)  Ente  nazionale  risi  - per le eventuali perdite di gestione
delle  operazioni  d'intervento  e per le indennita' di compensazione
delle  scorte  di fine campagna, nel settore risiero, e per gli aiuti
alimentari;
    d)  Cassa  conguaglio  zucchero  -  per le spese di magazzinaggio
dello zucchero e per gli aiuti alimentari;))
  Per  l'erogazione dei relativi importi si applicano le disposizioni
legislative,  regolamentari  e  amministrative  vigenti  ed eventuali
successive modificazioni.