DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 31 marzo 1971, n. 276

Assunzioni temporanee di personale presso le Amministrazioni dello Stato.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 29/12/1972)
Testo in vigore dal: 11-6-1971
                               Art. 3.

  Presso   gli   uffici   centrali   e   periferici  determinati  con
provvedimento  del  Ministro competente, e per le amministrazioni con
ordinamento   autonomo   del   rispettivo  direttore  generale,  sono
istituiti   appositi   elenchi   degli   aspiranti   alle  assunzioni
straordinarie  per  mansioni  impiegatizie,  da compilarsi secondo le
modalita' indicate nei successivi commi.
  Gli  aspiranti all'assunzione devono presentare domanda agli organi
centrali e periferici competenti a mezzo di lettera raccomandata.
  Sono  iscritti  in detti elenchi, secondo l'ordine di presentazione
della   domanda   da  rilevarsi  dal  bollo  postale  sulle  relative
raccomandate, gli aspiranti che non abbiano superato il cinquantesimo
anno  di  eta' e siano in possesso degli altri requisiti previsti per
l'ammissione ai corrispondenti impieghi di ruolo.
  Gli  aspiranti  iscritti  negli  elenchi di cui ai precedenti commi
hanno titolo di precedenza, secondo l'ordine risultante dagli elenchi
medesimi,  nelle assunzioni relative alla sede e alle mansioni per le
quali  hanno  presentato  la  domanda,  anche  nelle ipotesi di nuove
assunzioni disposte ai sensi delle lettere b) e c) dell'art. 1.
  Le  assunzioni  sono disposte dal capo dell'ufficio presso cui sono
istituiti  gli  elenchi, nel limite di un contingente preventivamente
determinato  dal  Ministro,  e per le amministrazioni con ordinamento
autonomo  dal  rispettivo direttore generale, sentito il consiglio di
amministrazione.
  Il  personale straordinario che comunque abbia dato prova di scarso
rendimento  o abbia tenuto un comportamento non conforme ai doveri di
ufficio   e'   cancellato  dal  relativo  elenco,  con  provvedimento
motivato,   dall'organo  competente  a  disporre  l'assunzione;  tale
provvedimento e' comunicato all'interessato.
  Le assunzioni straordinarie per mansioni del personale operaio sono
disposte con l'osservanza delle norme sul collocamento dei lavoratori
disoccupati.
  Nei  confronti  di  tutti  coloro  i  quali  siano stati assunti in
servizio  anteriormente alla data di entrata in vigore della legge 28
ottobre 1970, n. 775, e siano tuttora in servizio, purche' retribuiti
con  fondi  del  bilancio  di  previsione  della  spesa delle singole
amministrazioni,  anche  ad  ordinamento  autonomo  ivi  comprese  le
universita',   o  assunti  in  base  a  contingenti,  rispettivamente
stanziati  o  approvati, per l'anno 1970, anteriormente alla data del
31  luglio,  o del 31 ottobre se trattasi di personale non insegnante
della  scuola  di  ogni  ordine  e  grado  salvo che per quello delle
universita',  si  applicano  le  disposizioni di cui ai commi terzo e
successivi dello art. 25 della citata legge.
  Nei  confronti  del personale gia' collocato nelle categorie non di
ruolo  che  abbia compiuto i periodi di servizio prescritti dall'art.
25,  comma sesto, della legge 28 ottobre 1970, n. 775, il termine per
la presentazione della domanda di cui all'art. 1, ultimo comma, della
legge  5 giugno 1951, n. 376 e successive modificazioni, e' prorogato
sino a due mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto.