DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 20 marzo 1967, n. 223

Approvazione del testo unico delle leggi per la disciplina dell'elettorato attivo e per la tenuta e la revisione delle liste elettorali.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 21/09/2011)
Testo in vigore dal: 16-1-2006
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 2.
(Legge  7 ottobre 1947, n. 1058, art. 2; legge 23 marzo 1956, n. 137,
           art. 1, e legge 22 gennaio 1966, n. 1, art. 2)

  1. Non sono elettori:
    a) ((LETTERA ABROGATA DAL D.LGS. 9 GENNAIO 2006, N.5));
    b)   coloro  che  sono  sottoposti,  in  forza  di  provvedimenti
definitivi,  alle  misure  di prevenzione di cui all'articolo 3 della
legge   27   dicembre  1956,  n.  1423,  come  da  ultimo  modificato
dall'articolo 4 della legge 3 agosto 1988, n. 327, finche' durano gli
effetti dei provvedimenti stessi;
    c)   coloro  che  sono  sottoposti,  in  forza  di  provvedimenti
definitivi,  a misure di sicurezza detentive o alla liberta' vigilata
o  al divieto di soggiorno in uno o piu' comuni o in una o piu' prov-
ince, a norma dell'articolo 215 del codice penale, finche' durano gli
effetti dei provvedimenti stessi;
    d)  i  condannati a pena che importa la interdizione perpetua dai
pubblici uffici;
    e)  coloro  che  sono  sottoposti all'interdizione temporanea dai
pubblici uffici, per tutto il tempo della sua durata.
  2.  Le  sentenze penali producono la perdita del diritto elettorale
solo  quando  sono  passate in giudicato. La sospensione condizionale
della  pena  non  ha  effetto ai fini della privazione del diritto di
elettorato.