DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 gennaio 1967, n. 18

Ordinamento dell'Amministrazione degli affari esteri.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 15/06/2022)
Testo in vigore dal: 21-11-2019
aggiornamenti all'articolo
                              Art. 34. 
                   (Destinazioni e accreditamenti) 
 
  I movimenti del personale sono disposti per esigenze di servizio. 
  ((COMMA ABROGATO DAL D.L. 21 SETTEMBRE 2019, N. 104, CONVERTITO CON
MODIFICAZIONI DALLA L. 18 NOVEMBRE 2019, N. 132)). 
  La destinazione, il trasferimento  e  il  richiamo  dei  funzionari
diplomatici  assegnati  a  posti  commerciali  qualificati  ai  sensi
dell'art. 32, terzo comma, e degli  impiegati  della  carriera  degli
assistenti commerciali sono disposti  dal  Ministro  per  gli  affari
esteri di concerto con il Ministro per  il  commercio  con  l'estero,
fatta  eccezione  per  i  funzionari  non  specializzati  in  materia
commerciale che compiono in funzioni commerciali uno dei due  periodi
di servizio previsti dalla lettera b)  del  secondo  comma  dell'art.
107. I nominativi di questi ultimi  sono  previamente  comunicati  al
Ministero del commercio con l'estero. 
  La notifica alle autorita' del Paese  in  cui  presta  servizio  il
personale all'estero e' effettuata in base alla qualifica  risultante
dal decreto di destinazione, salvo quanto puo'  essere  disposto  con
decreto  del  Ministro,  su  motivata  proposta  del   Consiglio   di
amministrazione, per particolari esigenze di servizio.