DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1965, n. 1124

Testo unico delle disposizioni per l'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 29/06/2019)
Testo in vigore dal: 28-10-1965
                              Art. 19.

  Agli  effetti  della  determinazione dei primi dovuti dai datori di
lavoro  e  degli  obblighi  derivanti all'istituto assicuratore dagli
articoli   66  e  67,  il  datore  di  lavoro  e'  obbligato  a  dare
all'Istituto   stesso  e,  per  esso,  ai  suoi  dipendenti  all'uopo
incaricati,  le  notizie  documentate  relative alle retribuzioni che
debbono   servire   di   base   per  la  liquidazione  dei  premi  di
assicurazione,    ed    a   consentire   agli   incaricati   suddetti
l'accertamento  nella  propria  azienda,  anche  nelle ore di lavoro,
oltre  che  delle  notizie  predette,  delle  circostanze  in  cui e'
avvenuto  l'infortunio  e  di  tutte  quelle  altre occorrenti per la
valutazione del rischio.
  I  datori  di  lavoro o i loro rappresentanti che non forniscano le
notizie  richieste o le diano scientemente errate od incomplete, sono
puniti  con  l'ammenda fino a lire centoventimila, salvo che il fatto
non costituisca, reato piu' grave.
  Gli  incaricati  dell'Istituto  sono tenuti ad osservare il segreto
sui  processi  e  sopra  ogni  altro  particolare  di lavorazione che
venisse   a  loro  conoscenza  per  ragioni  d'ufficio.  In  caso  di
violazione, del segreto sono puniti con l'ammenda da lire ventimila a
lire quarantamila salvo che non si tratti di reato piu' grave,